10/02/16

8 luoghi insoliti (e ignorati dal turismo di massa!) da visitare in Sicilia

Scicli, Chiesa Rupestre
Viaggio in Sicilia: cosa visitare? Il Domandone!
È ovvio che tutti vogliano vedere la splendida Taormina, il mare dell'Isola Bella, il teatro greco di Siracusa, la regalità dei palazzi di Palermo e la maestosità selvaggia dell'Etna...
E probabilmente è questo quello che visiterete alla vostra prima volta sull'isola (...più Catania, le cittadine barocche del Val di Noto, i Templi di Agrigento eccetera: non mi metterò ad elencarli tutti, per quello avete le guide tradizionali!). 
Ma poi? La seconda, e la terza volta che verrete in Sicilia? 
Perchè tornerete, questo è sicuro. E quando lo farete, vorrete scovare quei posti ignoti e insoliti, senza turisti, senza confusione, senza file per accedere, ma ugualmente belli e incredibilmente affascinanti...posti che vi fanno dire "wow" e che consiglierete a chi verrà dopo di voi.
E di questi posti ce ne sono davvero a centinaia (parola nostra di autoctoni...). Oggi ve ne consigliamo 8, e aspettiamo le vostre segnalazioni se ne conoscete altri o volete segnalarcene di diversi: scriveteci, twittateci, seguiteci su Facebook...comunichiamo!

1. AVOLA ANTICA
Photo www.sicilia.cosavedere.net
Dopo aver visitato Avola, e fatto una bella scorta di mandorle doc da portare a casa, avventuratevi su per i tornanti che conducono in cima alla collina del monte Aquilone. La vista è pazzesca, e sono ancora visibili i resti dell'antica città, distrutta dal terremoto del 1693 e poi ricostruita a distanza, come molte altre cittadine degli iblei.

2. GROTTA DELLE TRABACCHE - RAGUSA

Grotta delle Trabacche - Ragusa
Appena fuori dal centro abitato di Ragusa, vi troverete immersi in una campagna davvero bellissima: siamo nella zona sud-est della città, nella contrada chiamata "Centopozzi" (proprio perchè costellata di numerosi vecchi pozzi, usati nell'antichità per l'approvvigionamento idrico delle campagne circostanti).
È proprio qui che si trova la Grotta delle Trabacche, un complesso cimiteriale ipogeico tra i più noti e antichi di Sicilia. Per raggiungerla, bisogna percorrere un breve tratto a piedi e poi ci si ritrova davanti al cancello di ferro che chiude l'ingresso.

3. UN TOUR DELLE PICCOLE CITTADINE DEGLI IBLEI: CHIARAMONTE, GIARRATANA, MONTEROSSO, BUCCHERI

Giarratana - Photo www.why-sicily.com
Vi servirà una macchina. Montate a bordo e accendete il navigatore: le cittadine arroccate sulla catena montuosa degli iblei sono del tutto sconosciute al turismo di massa, conservano un'atmosfera antica e sono ricche di suggestioni, scorci e specialità gastronomiche. In più, spesso sono teatro di bellissimi eventi, come il Med Fest, festival medievale a Buccheri, o la "Sagra della cipolla" a Giarratana, ad agosto: immaginate cipolle giganti cucinate in tutti i modi possibili e immaginabili, compreso il gelato. Ecco, vi divertirete!

4. CAVA ISPICA

Cava d'Ispica
Ecco un altra escursione super interessante da fare se vi trovate nelle zone di Modica e Ragusa. A pochi chilometri di distanza, potrete visitare la bella cittadina di Ispica, anch'essa frequentata poco o nulla dai flussi turistici, e soprattutto potrete raggiungere il Parco archeologico di Cava d'Ispica, che si sviluppa per ben 14 km in una vallata tra le città di Modica e Ispica. 
Alla cava si può infatti accedere partendo da entrambe le città: il "trekking", molto molto semplice e agevole, è però spettacolare dal punto di vista naturale e archeologico, con le sue gole a strapiombo e i resti di complessi rupestri come chiese e altri edifici.
La nostra audioguida vi accompagnerà alla scoperta di una parte della cava: scaricatela qui e avventuratevi a piedi!

5 CASTELVETRANO


Piccolo paesino in provincia di Trapani, ha un centro storico affascinante fatto di piazzette collegate e stradine, vicoli e scorci d'altri tempi. Il pane nero di Castelvetrano è famoso: prodotto con farina integrale di grano duro siciliano e con una farina particolare che lo rende dal colore più scuro e dal gusto particolarissimo; potete farne una scorta, è un pane prodotto col metodo antico, che si conserva anche per parecchi giorni.

6. PALMA DI MONTECHIARO

La Chiesa Madre di Palma di Montechiaro
Cittadina in provincia di Agrigento, antichissima (fondata nel 1637), è molto suggestiva da visitare: potete cercare i monasteri delle monache di clausura, dove ancora oggi le suore preparano squisiti dolci e biscotti che vendono ai (pochi) visitatori. 
Poi spingetevi fino al Castello, da dove si può ammirare una minuscola spiaggetta chiusa in un golfo; tutto il tratto di costa attorno a Palma di Montechiaro è pieno di insenature e piccoli lidi difficilmente raggiungibili e ben poco frequentati...angoli di paradiso!

7. LE CHIESE RUPESTRI A SCICLI

Photo: www.scicliospitalitadiffusa.it
Quando visiterete Scicli, vi renderete subito conto della sua struttura di città rupestre: il colle di San Matteo, con i suoi versanti ripidi, sembra proprio abbracciare la città. Le chiesette rupestri ancora visitabili sono incantevoli e affascinanti: avventuratevi fuori dal centro della città, verso i quartieri più periferici e chiedete delle chiesette di Santa Lucia, della Madonna di Piedigrotta, del Monte Calvario e della Madonna della Catena. La gente del posto noon avrà esitazioni ad indirizzarvi nella giusta direzione!

8. BORGO CUNZIRIA - VIZZINI

Cunziria
Abbandonato in seguito alla rivoluzione industriale, questo minuscolo borgo vicino Vizzini, ai margini della provincia di Catania, è oggi completamente deserto e disabitato
In questi luoghi visse Giovanni Verga e qui ambientò parecchie delle sue novelle; successivamente, i luoghi della Cunziria sono stati set per le trasposizioni cinematografiche di Cavalleria Rusticana e La Lupa. 
Passeggiando tra muri a secco grigi, edifici di pietra bianca, vialetti che si snodano su per la collina, e circondati dal profumo di zagara, vi sembrerà proprio di essere immersi in una novella verghiana. 
È tutto completamente disabitato, ma se vi affascina la zona e l'atmosfera che si respira qui, potete fermarvi nell'omonimo agriturismo poco lontano.



Visita la Sicilia con le audio guide: scaricale qui!


Nessun commento:

Posta un commento