30/06/15

Come su un set del Commissario Montalbano: il "Circolo di Conversazione" di Ragusa Ibla



Abbiamo notato dai vostri commenti e dai vostri racconti, che una delle cose che vi colpisce di più durante la visita di Ragusa Ibla, è il famoso Circolo di Conversazione
Probabilmente i motivi principali sono due: il primo, è che fa un pò effetto vedere che in pieno 2015 esistono ancora luoghi come questo, dove i nobili della città usano tutt'ora riunirsi per conversare e trascorrere le ore libere, esattamente come accadeva anni e anni fa...sembra di essere in un luogo dove il tempo si è fermato! 
Il secondo motivo riguarda invece Montalbano, il Commissario più amato della TV: il Circolo di Conversazione infatti è diventato famoso per essere una delle location della serie TV. È qui che spesso il simpatico personaggio creato dalla penna di Andrea Camilleri fa le sue chiacchierate.
In realtà il Circolo di Conversazione, detto anche Caffè dei Cavalieri, era - anzi, è ancora! - il luogo d’incontro dei nobili ragusani. La sua costruzione risale alla metà dell'800, e venne edificato proprio perchè i nobili della città potessero avere un luogo dedicato in cui conversare e trascorrere il tempo, lontani ed isolati dalla gente comune.
Lo stile è neoclassico. Vi sono tre entrate, e in corrispondenza delle tre porte noterete tre bassorilievi che riportano due donne alate che sorreggono una lampada e due sfingi ai lati. Sul cornicione - fotografatissimo! - campeggia lo stemma della città di Ragusa, l'aquila, affiancata da due leoni.
Anche al giorno d’oggi non è facile accedere al circolo; è tutt’ora di proprietà privata ma i più fortunati riescono ad incontrare uno dei soci, che spesso ne permettono la visita, ed entrare nell'incredibile mondo della nobiltà del secolo scorso. Provateci, ne vale la pena!
Rimarrete affascinati dalla tipica atmosfera ovattata che si respira nelle sette sale, arredate ancora in pieno stile ottocentesco: lunghi divani appoggiati alle pareti, grandi specchiere dalle ricche cornici dorate... Al centro, un lampadario in rame che rappresenta una pianta di zucca, illumina la sala.

Photo: corradobonora.photoshelter.com

Se volete saperne di più potete scaricare la nostra audio guida MP3 che vi racconterà tutti i segreti del Circolo di Conversazione (€ 0,69 su www.listentosicily.it), o l'intero itinerario audio, sempre in MP3, che vi conduce da Ragusa superiore a Ragusa Ibla (durata 1 ora, € 2,99, scaricabile da qui); o, ancora, se siete super fan del Commissario Montalbano, scegliete l' audiotour a lui dedicato, che vi condurrà a conoscere non soltanto Ragusa ma anche Scicli, che ha spesso fatto da sfondo alle vicende della serie Tv  ("Audiotour Montalbano", 12 tracce audio MP3, durata totale 2 ore e 16 minuti, € 4,99 su www.listentosicily.it/audioguide). 


28/06/15

Alla scoperta di Acireale e delle sue leggende



Oggi vi portiamo ad Acireale, alla scoperta della storia e delle leggende che hanno dato vita a questa cittadina della costa ionica, bellissima per il suo barocco e famosa nel mondo per il suo Carnevale. 
Ma oggi non è del Carnevale che vi parleremo: vogliamo raccontarvi invece delle origini e delle leggende legate alla nascita della città.
Acireale è piena di chiese, proprio per questo è detta "la città dei cento campanili"; sono tante le storie appassionate e sorprendenti che si celano tra le strade e i panorami di questa città, che merita assolutamente una deviazione durante la vostra vacanza in Sicilia...prevedete un giorno per visitarla, fermatevi qui e godetevi il suo barocco particolarissimo, enfatizzato dall'utilizzo di pietra bianca e nera.
Photo: www.diocesiacireale.it
Questo centro di provincia, a circa 10 km da Catania, sorge su un altopiano costituito da un terrazzo di origine lavica, chiamato la Timpa che, con i suoi 150 metri di altezza, la pone quasi a strapiombo sul mar Ionio. 
Numerosi viaggiatori, nel corso dei secoli, hanno manifestato meraviglia per la magnificenza dei palazzi e dei monumenti di Acireale, cittadina popolata da nobili e ricchi artigiani, in cui nel ‘500 si consolidò un forte ceto mercantile che apportò notevole ricchezza, e si insediarono diverse corporazioni ed ordini religiosi.
L’origine del nome Acireale deriva dalla divinità della mitologia greca, chiamata Aci. La leggenda narra che Aci era un mite pastorello di cui si innamorò la bella ninfa Galatea. Il loro amore, secondo la poetica leggenda tramandata anche da Virgilio ed Ovidio, fu osteggiato dal ciclope Polifemo che, innamorato della ninfa, schiacciò il rivale Aci sotto un masso. Dal sangue del pastore nacque, così, un fiume che i greci chiamarono Akis, oggi "scomparso" sottoterra, ma che talvolta riaffiora come sorgente nei pressi della località di Santa Maria la Scala tuffandosi in mare. La sorgente è ancora chiamata "u sangu di Jaci" (il sangue di Aci). 
Il nome attuale, Acireale, risale però al 1642 quando, sotto il regno di Filippo IV di Spagna, la città assunse la definizione di "reale" per sottolineare il suo prestigio di centro demaniale nei confronti dei casali vicini, che riprendono il nome del mitico pastore Aci.
Per scoprire la città lasciatevi guidare dall' audiotour in MP3 che potete scaricare sul nostro sito: 14 punti di interesse, un'ora e mezza di audio, solo € 2,99 e la guida e-book compresa nel prezzo!
  
Clicca qui per scaricare le audio guide!

26/06/15

Un'oasi verde nel barocco di Ragusa Ibla: i Giardini Iblei


Una visita a Ragusa Ibla e al suo splendido barocco non può concludersi senza una tappa nel cuore verde della città, i bellissimi Giardini Iblei.
Dopo aver esplorato la città ed esservi inerpicati per stradine e stretti passaggi, dopo aver visitato chiese e palazzi, apprezzerete di certo una sosta rigenerante su una panchina all'ombra della Villa di Ibla, frequentatissima dalla gente del posto: incontrerete gli anziani che leggono il giornale, le mamme che guardano i bambini giocare e le coppiette che fanno passeggiate romantiche...Ehm, e anche a volte gruppetti di ragazzi che hanno saltato la scuola (è una delle mete classiche in questi casi :D)!




La Villa di Ragusa Ibla fu realizzata nel 1858 su iniziativa di un gruppo di nobili della città, desiderosi di donare uno spazio verde a Ragusa: il popolo acconsentì di buon grado a dare una mano fornendo la propria opera gratuitamente, e così nacque in poco tempo questo incantevole giardino dalla posizione invidiabile: sorge infatti su uno sperone di roccia che si affaccia direttamente sulla vallate, offrendo un panorama unico e incantevole.
Vi si accedeva un tempo attraverso due ingressi: un magnifico viale alberato riservato alle carrozze, e un altro viale parallelo - il viale delle colonnine - riservato invece ai pedoni.

Al suo interno sono ospitate ben tre chiese: quella intitolata a San Vincenzo Ferreri, dalla cella campanaria decorata con ciottoli policromi; quella dedicata a San Giacomo ad una sola navata e dal pregevole soffitto ligneo e la Chiesa dei Cappuccini, dove è conservato il trittico seicentesco di Pietro Novelli (detto "il Monrealese").


Photo: www.ioamolasicilia.it
Il lungo viale di ingresso fiancheggiato da palme e aiuole ricche di essenze arboree, tra cui anche cedri del libano e albero del pepe, conduce nel cuore della villa; ad arricchire il paesaggio vi sono due fontane, una circolare e una triangolare che vuole riproporre la forma della Sicilia.
La parte più interna del parco è stata recentemente ristrutturata e risistemata. 
Fermatevi qui per godervi un attimo di riposo in un ambiente sereno e rilassante: se volete, la nostra audioguida in MP3 dedicata ai Giardini Iblei (€ 0,69 su wwww.listentosicily.it/audioguide) vi racconterà per filo e per segno tutti i segreti della villa; scaricatela sul vostro smartphone o lettore MP3 e...buon ascolto!



24/06/15

Destinazioni estate 2015 in Sicilia: 5 buoni motivi per scegliere Acitrezza!


L'estate 2015 è ufficialmente arrivata! 
È il momento di pianificare le vacanze, e secondo noi Acitrezza, piccolo borgo di pescatori a pochi chilometri da Catania, è una delle mete perfette per il vostro viaggio in Sicilia.
Se siete alla ricerca di bellezze naturali, panorami mozzafiato e contemporaneamente divertimento e buona cucina, vi trovate nel posto giusto!
Il panorama sul mare è caratterizzato dai celebri Faraglioni dei Ciclopi e dall'Isola Lachea, area marina protetta che si può raggiungere in barca e dove si trova anche una stazione di ricerca biologica.

In questo post vi diamo 5 buoni motivi per scegliere proprio Acitrezza come destinazione delle vostre prossime vacanze in Sicilia. Pronti?

1) La posizione



Acitrezza è in una posizione perfetta per offrirvi davvero tutto quello che si può desiderare! 
La vicinanza al mare, innanzitutto. E poi la tranquillità e l'atmosfera di un piccolo borgo di pescatori, con i suoi tempi rilassati e indolenti, gli anziani seduti in piazza, i caffè all'aperto dove oziare a lungo. 
Ma, contestualmente, Acitrezza è anche estremamente vivace e modaiola nelle serate estive: bar e caffè propongono happy hour, aperitivi e live music, e discoteche storiche si trovano proprio nelle immediate vicinanze (un nome su tutti? Lo storico Banacher). 
Acitrezza è anche a un tiro di schioppo dalla città: Catania si trova a pochissimi chilometri, ed è facilmente raggiungibile in non più di 10 minuti di auto. Vicinissime anche la barocca Acireale e la splendida Taormina, due tappe che non potrete mancare di visitare durante la vostra vacanza in Sicilia!

2) La natura



Tutta la Sicilia è ricca di panorami mozzafiato, e Acitrezza ne costituisce un ottimo esempio. Il mare è blu, profondo e cristallino: niente spiagge nè sabbia qui, ma scogli selvaggi di nera pietra lavica da cui tuffarsi nell'acqua già profonda...una vera goduria! Due sono le cose che vi salteranno agli occhi: i Faraglioni dei Ciclopi, e l'Isola Lachea, riserva naturale protetta. Per godervi appieno la costa e gli isolotti vi consigliamo assolutamente di fare un giro in barca, basta recarsi al porticciolo per trovare la soluzione più adatta per voi!

3) La cucina



Amanti della buona cucina, e soprattutto del pesce fresco, qui troverete il vostro paradiso personale! Come ogni borgo di pescatori  che si rispetti, Acitrezza è piena di trattorie e ristorantini dove gustare il pesce appena pescato, freschissimo e cucinato secondo le ricette locali in maniera casalinga e semplice...pranzi e cene che non si dimenticano! 
E sul versante dolce, non dimenticate di godervi una fresca granita, naturalmente accompagnata dalla tipica brioche, o un ottimo gelato artigianale. Pare infatti che granita sia nata proprio da queste parti, in tempi antichissimi, mescolando la neve dell'Etna ad agrumi e zucchero.

4) La storia e le leggende


Photo: www.siciliamia.net
Acitrezza ha origini antichissime: nacque come porto di un feudo durante il Seicento, e solo a metà dell'Ottocento venne accorpato alla vicina Aci Castello. Già durante il Settecento e l'Ottocento i viaggiatori dell'epoca ne ammirarono le bellezze, accrescendone la fama anche in luoghi lontani.
Tra le leggende che permeano la cittadina, la più celebre è certamente quella legata all'origine dei Faraglioni dei Ciclopi: fu il gigante Polifemo, dopo essere stato accecato da Ulisse, a scagliare in preda all'ira i massi in mare, contro le navi che si allontanavano.

5) La cultura: il cinema e la letteratura



È proprio qui ad Acitrezza che Giuseppe Verga ambientò il suo capolavoro, il romanzo "I Malavoglia": chi ha letto l'opera non faticherà a riconoscere luoghi e atmosfere. Proprio in base ad alcune descrizioni contenute nel romanzo, è stata individuata quella che fu la casa di Padron 'Ntoni, la Casa del Nespolo: qui, oggi, è possibile visitare un interessante museo dedicato dedicato all'opera di Verga e alla tradizione marinara dei pescatori.
Ma anche il cinema ha scelto Acitrezza come ambientazione per un film indimenticabile: è qui che Luchino Visconti decise di ambientare il suo "La terra trema", pellicola del 1948, selezionato fra i "100 film italiani da salvare" all'interno della Mostra del Cinema di Venezia. Per la lavorazione del film, iniziata nel 1947, il regista scelse di ricorrere solo ad attori non professionisti: davanti alle macchine da presa dunque recitarono i veri abitanti di Acitrezza, immersi nelle loro abituali attività quotidiane e con il loro dialetto siciliano.

Potete scoprire Acitrezza anche in compagnia delle audioguide in MP3 di Listen to Sicily: scaricate l'audioguida direttamente dal nostro sito, salvatela sul vostro smartphone o lettore MP3 e lasciatevi accompagnare dalla nostra voce attraverso il borgo di Acitrezza e le sue storie...
Sono disponibili anche due audiotour tematici e completi: l' audiotour "I Malavoglia", per visitare tutti i luoghi teatro del romanzo, e l'audiotour "Cinematografico", che vi condurrà attraverso tutte le cittadine siciliane che hanno fatto da sfondo, nel corso degli anni, a film e pellicole di rilievo (da Acitrezza con il suo già citato "La terra trema", a Catania, Scicli, Ispica, Acireale...).

Cosa aspettate?
Raccontateci le vostre impressioni su Acitrezza e postateci i vostri consigli per gli altri viaggiatori!


Clicca qui per scaricare l'audio guida!

23/06/15

Trekking "virtuale" sull'Etna: visitiamo il vulcano con Google Street View

Photo: www.parcoetna.it

Circa due anni fa, il 21 giugno 2013, l'Etna, il vulcano attivo più alto d'Europa, veniva inserito nella World Heritage List dall'Unesco divenendo a tutti gli effetti Patrimonio Mondiale dell'Umanità (e noi di Listen ve lo abbiamo raccontato, non senza emozione, in questo post); oggi, per celebrare il secondo anniversario di questo importante evento, Google ha deciso di mappare le pendici del vulcano rendendo disponibili le immagini su Google Street View.
Basterà dunque un PC, un tablet o un semplice smartphone per avventurarsi in un vero e proprio "trekking virtuale" su per il vulcano, o meglio per pianificare in anteprima un trekking reale prima di recarsi fisicamente in quota!

Per effettuare la mappatura dell'Etna, i tecnici di Google Street View hanno utilizzato Trekker, uno zaino tecnologico equipaggiato con ben 15 fotocamere in grado di scattare continuamente immagini ad altissima risoluzione, fornendo una visuale a 360° in orizzontale e a 280° in verticale: Trekker era già stato inaugurato nel 2013 a Venezia in occasione della prima mappatura europea, e in questa occasione ha potuto fare la sua escursione fotografica a oltre 3000 metri di altezza sul vulcano siciliano, arrivando proprio in cima al cratere.



Grazie a questa incredibile mappatura ad alta quota, chiunque potrà, da ora in poi, comodamente da casa propria, conoscere e scoprire i suggestivi sentieri della montagna, e perchè no, decidere di pianificare la prossima vacanza proprio in Sicilia con l'obiettivo di scalare - stavolta sul serio - 'a Muntagna. Sono infatti migliaia e migliaia i turisti che ogni anno raggiungono la Sicilia con lo scopo principale di sfidare i propri limiti e vivere un'avventura irripetibile nella natura scalando l'Etna e visitando addirittura i crateri sommitali.

Ma c'è di più: l'inserimento dell'Etna su Google Street View è stato anche un modo per valorizzare e tutelare il territorio etneo e siciliano in generale, con le sue particolarità naturali e con le sue caratteristiche peculiari: proprio per questo Unioncamere e Camera di Commercio di Catania hanno creato una mostra digitale ad hoc: "Basalto Lavico dell'Etna"




La mostra è visitabile online sulla piattaforma del Google Cultural Institute e racconta le curiosità legate a questo peculiare materiale, tipico di Catania e materia prima di molti monumenti della città etnea, primo fra tutti l'Elefante di piazza Duomo.
E voi, siete pronti per questo viaggio virtuale?


Clicca qui per scaricare le audio guide!

17/06/15

Dalla "Timpa" a Capomulini, passando per Santa Tecla: una giornata al mare di Acireale

Photo: www.oberdanbedandbreakfast.com

Le giornate di sole sono ormai una costante e la stagione del mare è ufficialmente iniziata!
Se siete alla ricerca di spunti per trascorrere una giornata di mare, sole e natura, questo è il post(o) giusto per voi: oggi vi consigliamo di godervi il mare in una delle zone più affascinanti e belle della costa orientale siciliana, quella che si trova di fronte alla cittadina di Acireale.

Acireale, splendida cittadina barocca, è famosa per il suo centro storico, il suo Carnevale e la sua granita. 
Se volete visitare la città in libertà e autonomia potete scaricare il nostro audiotour in MP3 della città: un percorso audio che in sei tappe vi guiderà attraverso i quartieri, le piazze e le chiese di Acireale, raccontandovi tutti i segreti della città. 
Basta scaricare l'audiotour sul proprio telefono o lettore MP3, costa € 2,99 e dura circa un'ora e mezza; incluso nel prezzo, anche l'e-book in pdf con la guida completa della città.

Ma non si vive di sola cultura! 
Con queste belle giornate ci vuole anche una tappa al mare. Qui vi avevamo parlato dei migliori posti per andare al mare vicino Catania, oggi ci spingiamo un pò più in là lungo la costa e vi portiamo a Santa Maria La Scala, Santa Tecla e, per finire in bellezza (...e bontà!), a Capomulini dove gusterete piatti di pesce freschissimo in una delle numerose trattorie sul mare.

Pronti? Si parte proprio da Acireale...
Una passeggiata lungo il percorso naturalistico delle Chiazzette è quello che ci vuole: partite a piedi da Acireale e immergetevi nella Riserva Naturale della Timpa, attraverso un pittoresco "sentiero natura" immerso nel verde della tipica macchia mediterranea. 
Si tratta di una sequenza di rampe di scale che furono ritagliate nel Seicento a zig zag sui fianchi neri e aspri della Timpa, promontorio di origine vulcanica alto circa 80 metri, riconosciuto come Riserva Naturale dal 1999.

La vista da quassù è bellissima, vedrete tutta la costa che si staglia imponente tra mare blu e cielo azzurrissimo, passeggerete nella natura e avrete innumerevoli occasioni per fermarvi a scattare foto panoramiche o solo ad osservare estasiati la bellezza della natura.

Il sentiero delle Chiazzette vi condurrà dunque, tornante dopo tornante, ai piedi della Timpa, nel caratteristico villaggio marinaro di Santa Maria La Scala.




E dopo questa bella passeggiata (avrete camminato per circa 3 km da Acireale a Santa Maria La Scala) è il momento del tanto agognato bagno a mare!
La spiaggia di Santa Tecla vi aspetta: piccola e raccolta, è una spiaggia di ciottoli con mare dall'acqua cristallina e blu, sempre molto pulita e trasparente. 
Il posto ideale per piantare il vostro ombrellone e godervi una giornata di mare e relax!

E quando l'appetito inizia a farsi sentire, partite alla volta di Capomulini, il paradiso per gli amanti del pesce e dei frutti di mare.
Capomulini è un borgo marinaro, antico approdo di origine greca, dal cui immenso golfo potrete godere di uno splendido panorama: si vede l'Isola Lachea e naturalmente i celebri Faraglioni di Acitrezza, che la leggenda vuole siano stati scagliati da Polifemo contro Ulisse che si allontanava in mare dopo averlo beffato...


Il mare attorno ad Acireale è noto per essere tra i più pescosi dell'intero Mediterraneo: ecco perchè a Capomulini si susseguono ristoranti e trattorie di pesce sul mare, dove avrete solo l'imbarazzo della scelta nell'assaggiare tutti i piatti tipici e le ricette locali con pesce appena pescato...e in linea di massima anche il prezzo vi sorprenderà: a Capomulini è possibile fare delle belle mangiate di pesce con cifre assolutamente abbordabili e convenienti! 
Che aspettate?
A noi non resta che augurarvi buona giornata di mare :)





12/06/15

Ecco le app per visitare la Sicilia con le audioguide


Ce lo avete segnalato in tanti: la Sicilia è bellissima, ma spesso voi viaggiatori avete riscontrato un pò di mancanza di organizzazione nell'accoglienza dei turisti, poche informazioni, info point a volte chiusi negli orari clou...
Noi di Listen to Sicily nel nostro piccolo cerchiamo di sopperire a queste mancanze, provando a darvi un supporto quanto più completo e affidabile su come gestire il vostro viaggio in Sicilia, a partire proprio dalle informazioni pratiche più semplici e scontate, da come raggiungere l'aeroporto più vicino a quali sono i locali più cool dove trascorrere le serate, da quali sono gli orari di apertura dei musei a quali sono le usanze del posto nei più vari ambiti...
Lo facciamo su questo blog, parlandovi degli argomenti più disparati e delle destinazioni più interessanti in Sicilia, e lo facciamo ovviamente sul nostro sito www.listentosicily.it, dove è facile scaricare in pochi click le nostre audio guide e i nostri audiotour in MP3.

Da oggi trovate sugli app stores anche le nostre app completamente aggiornate e rinnovate, arricchite nei contenuti e nelle funzionalità.
Cercate "Audio Guide Catania", "Audio Guide Ragusa" e "Audio Guide Modica", scaricatele gratuitamente sui vostri device e trasformate il vostro smartphone o tablet nella vostra guida personale della città, creata direttamente da noi che la Sicilia la conosciamo bene e siamo in grado di darvi tutti i migliori consigli da insider per godervi al meglio la vostra vacanza, non come un turista ma proprio come farebbe uno del posto.




Lasciatevi ispirare dalle storie dei luoghi incluse nelle audio guide già presenti gratuitamente sull'app o da quelle ulteriori che potrete scaricare successivamente: storie, descrizioni della città, percorsi all'aperto e percorsi interni a chiese e monumenti...
Inoltre troverete tutte le info e i consigli sui trasporti, sulla cucina, sui migliori alloggi, sui prodotti tipici, lo shopping e i souvenir, e ancora su dove trovare wi-fi gratuito e su prezzi e orari di apertura di musei e monumenti.

Una cosa a cui teniamo: tutti i nostri consigli sono autentici! Nessuno paga per essere segnalato nelle app di Listen to Sicily, i consigli che vi diamo sono assolutamente autonomi e indipendenti...se vi segnaliamo un ristorante o un bar, è perchè lo abbiamo frequentato noi in prima persona e ci sentiamo di consigliarvelo come a degli amici! Niente pubblicità, insomma! ;)

Altro aspetto importante: le app, una volta scaricate sul vostro device, saranno sempre disponibili anche offline, in modo che sia possibile accedere alle informazioni anche senza una connessione internet evitando così i costi di roaming.





Ecco cosa troverete in tutte le app:

- Guide di viaggio organizzate per categoria
- Indirizzi e contatti di musei, gallerie d'arte, monumenti, strutture ricettive, mercati, ristorazione, nightlife e prodotti tipici siciliani organizzati per categorie
- Informazioni dettagliate su trasporti, autonoleggi ed escursioni
- Galleria fotografica per ogni punto di interesse
- Mappa e direzioni per posizionare ogni punto di interesse
- Possibilità di visualizzare più categorie sulla mappa
- Visualizzazione della distanza per ogni punto di interesse
- Possibilità di salvare i punti di interesse nella sezione "Preferiti"
- Motore di ricerca interno
- Previsioni meteo

Cercatele dunque sugli app stores e godetevi il vostro viaggio! Cercate "Audio Guide Catania", "Audio Guide Modica" e "Audio Guide Ragusa" su Google Play e iTunes (trovate sia la versione in italiano che quella in inglese).

Per comodità, ecco i link diretti per scaricarle:

"Audio Guide Catania" versione Android
"Audio Guide Catania" versione iOs

"Audio Guide Ragusa" versione Android
"Audio Guide Ragusa" versione iOs

"Audio Guide Modica" versione Android
"Audio Guide Modica" versione iOs


Clicca qui per scaricare le audio guide!


10/06/15

Catania low cost: 6 cose belle da fare in città a meno di € 6



Avete trovato un volo low cost per la Sicilia e prenotato un bellissimo B&B in offerta speciale: che la vacanza con un occhio al risparmio abbia inizio!
Tutti cerchiamo di risparmiare quando siamo in vacanza, ma vagare per la città senza un programma o un'idea di quali siano le chicche da non perdere non è una buona idea...si rischia di cadere in qualche "trappola per turisti" o di sprecare il nostro tempo senza che ci resti nulla a fine giornata.
E allora il nostro primo consiglio è: informatevi su tutte le cose gratis che si possono fare nella città che visitate! C'è sempre un'ampia scelta di siti archeologici e culturali a ingresso libero, mostre di artisti locali, eventi e concerti rigorosamente free. Il sito di riferimento che vi consigliamo di tenere d'occhio per gli eventi in Sicilia è Lapis, un'istituzione da sempre per essere sempre aggiornati su cosa succede in ogni città siciliana.

Anche noi vogliamo darvi i nostri consigli per una vacanza low-cost: oggi vi segnaliamo 6 cose belle e particolari da fare a Catania con meno di 6 euro.

1) Visitare le terrazze e la cupola della Badia di Sant'Agata - € 3
Orari: da giovedi a domenica, ore 9 - 12; venerdi e sabato, ore 19 -22


Recentemente ristrutturato e riaperto al pubblico questo percorso meraviglioso sulle terrazze della Badia di Sant'Agata vi porterà in cima alla cupola della bellissima Badia, opera del Vaccarini: oltre alla chiesa in sè e all'interesse architettonico di questa visita, vi assicuriamo che godrete di una vista assolutamente privilegiata e incantevole di Catania dall'alto. Provate a fare la visita durante il week end, all'ora del tramonto: la luce sarà incantevole e perfetta da immortalare nelle vostre foto.

2) Fare colazione con granita e brioche in un bar del centro - € 2/4


È un rito che non potete saltare: fare colazione (o pranzo, o merenda, o quello che volete) con granita e brioche è imprescindibile! Scegliete un bar che vi piace, accomodatevi in un tavolino all'esterno e scegliete il vostro gusto preferito di granita: dalla mandorla al pistacchio, passando per cioccolato, caffè, gelsi e tanti altri non avrete che l'imbarazzo della scelta. E poi, godetevi la vostra colazione e concedetevi di perdere tempo al tavolino del bar, osservate la gente, la strada, il passeggio, pianificate la vostra giornata, concedetevi un buon caffè espresso...Sicuramente vi sentirete come uno del posto!

3) Fare una visita guidata al Monastero dei Benedettini - € 6
Orari: tutti i giorni, dalle 9 alle 17


Il Monastero dei Benedettini è oggi sede di alcune facoltà dell'Università di Catania; l'ingresso è libero e siete liberi di vagare all'interno del complesso per tutto il tempo che volete. Ma noi vi consigliamo la visita guidata: i bravissimi ragazzi dell'associazione Officine Culturali organizzano visite guidate tutti i giorni dalle 9 alle 17. Solo così potrete accedere ad aree solitamente interdette al pubblico e scoprire tutti i segreti dell'antico monastero...un'esperienza da non  perdere!

4) Fermarsi per una bibita in uno dei Chioschi cittanini - € 1/3



La tradizione di fermarsi a bere una bibita fresca in piccoli chioschetti disseminati per la città risale addirittura alla fine del 1800; oggi i chioschi si sono aggiornati e modernizzati, ma la ricetta delle bibite rinfrescanti che potete gustare è sempre la stessa, quella originale tramandata di padre in figlio, di generazione in generazione. Non si può venire a Catania e non godersi questa esperienza così "local"! I chioschi Vezzosi, Costa e Giammona sono un'istituzione in città, un vero classico a qualunque ora del giorno e della notte.

5) Perdersi nel verde visitando l' Orto Botanico - € 3
Orari: dal lunedi al venerdi, ore 9 - 18.30; sabato dalle 9 alle 13


Se cercate una pausa dalla calura e dal traffico, immergetevi nell'oasi di pace e freschezza dell' Orto Botanico: per soli 3 euro vi troverete immersi in un giardino verde e colorato, innumerevoli le specie di fiori e le piante grasse...vale davvero una visita!

6) Fare l'audiotour della città con le audioguide di Listen to Sicily - € 3,99
www.listentosicily.it



Per visitare la città in libertà ed autonomia non c'è niente di meglio delle audio guide! 
Scaricatele direttamente sul vostro dispositivo: smartphone, tablet, o anche un semplice lettore MP3. Le audioguide sono file MP3 che potrete ascoltare liberamente in qualsisi momento senza bisogno di connessione internet o traffico dati...L'audiotour di Catania dura circa 2 ore e 50 minuti e vi condurrà attraverso 13 tappe lungo il centro storico della città etnea. Non manca nulla: la Cattedrale, il Teatro Massimo, il Palazzo Platamone, il Castello Ursino, la via Crociferi e tantissimi altri punti di interesse...Per acquistare le audioguide basta collegarsi al nostro sito ed effettuare il download, potete scegliere la vostra lingua preferita tra italiano, inglese, tedesco, francese e spagnolo.

Infine, un consiglio extra: se vi fermate in città per qualche giorno, e se siete in famiglia o in gruppo, potrebbe convenirvi acquistare il Catania Pass, una card turistica che da diritto all'ingresso gratuito (o a prezzo ridotto) in moltissimi musei e monumenti cittadini, e inoltre da libero accesso ai trasporti urbani, compresa la tratta aeroporto - centro città (che già da sola costerebbe € 4 a tratta), nonchè sconti e agevolazioni in tante strutture convenzionate (comprese le nostre audioguide: se siete titolari di Catania Pass potete scaricarle con lo sconto del 50%): esistono diverse formule e diverse offerte, scegliete quella che fa per voi sul sito ufficiale o rileggendo il post che abbiamo pubblicato noi qualche settimana fa.

Non ci resta che augurarvi buona vacanza low-cost! 

Clicca qui per scaricare le audio guide!

08/06/15

La Sicilia è un set da sogno: ecco i luoghi del "Racconto dei racconti", l'ultimo film di Matteo Garrone


Qualche giorno fa siamo stati al cinema a vedere "Il racconto dei racconti", ultimo bellissimo film di Matteo Garrone, il regista di Gomorra e Reality, che stavolta si è spostato su un genere totalmente diverso - il fantasy - e ha scelto alcuni tra i luoghi più "fiabeschi" e incantevoli in tutta Italia per fare da set e da sfondo alle sue favole.
La prima scena del film si apre proprio in Sicilia: abbiamo immediatamente riconosciuto il Castello di Donnafugata, splendido castello a pochi chilometri da Ragusa, e il suo inconfondibile labirinto. Dimora nobiliare di fine 800, ha un'ampia facciata in stile neogotico e due alte torri laterali.
Altri set inconfondibili sono le Gole dell'Alcantara, che si trovano tra Messina e Catania: un canyon naturale di pietra lavica, creatosi in seguito ad eventi sismici, con gole alte fino a 26 metri in cui scorre il fiume Alcantara.



Ma non mancano altri incantevoli luoghi dispersi in tutta Italia: il Castello di Sammezzano (vicino Firenze), le Vie Cave o Cavoni (in Toscana), lo splendido Castel del Monte (in Puglia), il Bosco del Sasseto (vicino Viterbo) e molti altri.

A noi il film è piaciuto molto: un fantasy ambientato nel 1600, in cui si intrecciano tre storie con protagonisti internazionali come Salma Hayek, Vincent Cassel, Toby Jones e John C. Reilly.

Come sapete, la Sicilia ha una lunghissima storia come set cinematografico: innumerevoli sono i registi che hanno scelto la nostra isola per fare da sfondo alle loro storie: "Il bell'Antonio", "Storia di una capinera", "Divorzio all'italiana" e i più recenti "Italo" o "Più buio di mezzanotte", per non parlare delle serie tv che hanno fatto conoscere luoghi incredibili, da "Il Capo dei Capi" a "Il Commissario Montalbano"
Se anche voi siete amanti del cinema e volete fare un viaggio nei luoghi che hanno fatto da sfondo a queste innumerevoli storie, vi consigliamo di scaricare il nostro audiotour Cinematografico. È un audiotour che comprende la descrizione delle città che hanno fatto da sfondo a molti film: Catania, Ispica, Ragusa e Scicli, per un totale di ben 31 tracce audio (durata totale 6 ore e 45 minuti).




05/06/15

UK loves Sicily: il Telegraph consacra la Sicilia al primo posto come destinazione culturale del Mediterraneo

Photo: www.telegraph.co.uk


Il Telegraph, quotidiano inglese che presta parecchia attenzione
al mondo del travel, ha pubblicato sabato uno speciale viaggi 
dedicato alle 20 isole top nel Mediterraneo: la Sicilia, e ne siamo
felici e orgogliosi, è consacrata senza dubbi e senza rivali al primo 
posto in classifica per quanto riguarda la ricchezza culturale!

Ecco cosa dice l'articolo originale:

"The range of cultural sights in Sicily is extraordinary, from the little island of Motya, with its Phoenician ruins, to the great ancient Greek cities of Agrigento, Selinunte, Syracuse and the Doric temple at Segesta. At Piazza Armerina are some of the most charming and extensive series of Roman mosaics to survive anywhere. But even these barely stand comparison with the amazing 12th-century golden mosaics in the great cathedrals of Monreale and Cefalu, and the Palatine Chapel in Palermo. If you prefer something more recent, there are the magnificent baroque towns of Catania and Noto".


Dunque è la Sicilia l'isola che, tra le 20 del Mar Mediterraneo prese in esame, offre di più ai visitatori dal punto di vista della storia e della cultura. 
Il Telegraph cita alcuni dei nostri luoghi più belli: i Mosaici di Piazza Armerina, l'isola di Mozia, le città greche di Siracusa, Agrigento e Selinunte, l'architettura normanna di Palermo e il barocco inimitabile di Noto e Catania.






Unica "competitor" l'isola di Cipro, che si colloca al secondo posto: pur non potendo competere con la Sicilia, e detta del Telegraph, ha anch'essa dei tesori culturali che meritano una menzione, come le rovine romane di Salamis e i castelli di Kyrenia e Hilarion, oltre a numerose chiese bizantine in tutto il Paese.

E le altre isole del Mediterraneo prese in considerazione? Formentera vince per le spiagge, la Sardegna come destinazione luxury, Maiorca come destinazione per le famiglie, Santorini come meta romantica e Ibiza come meta festaiola...Curiosi di conoscere il resto della classifica? Qui trovate l'originale dell'articolo sul sito del Telegraph.



Clicca qui per scaricare le audio guide!


04/06/15

Un tour fuori dagli schemi: a Catania, nell'ex quartiere a luci rosse di San Berillo


Quella che vi proponiamo oggi è un'esperienza davvero unica e fuori dagli schemi: avete già fatto il tour "classico" della città di Catania (con o senza il nostro audiotour in MP3), avete visitato i monumenti, i palazzi, le chiese e i musei cittadini, ma sicuramente non avete avuto modo di attraversare il quartiere di San Berillo o "Borgo delle Belle", ex quartiere a luci rosse che ha una storia antichissima e super interessante.
L'associazione RiCreaRe ha avuto una splendida idea: organizzare dei tour guidati nel cuore di San Berillo accompagnati proprio dalla gente del quartiere, per riqualificare questa zona e coinvolgere le ex prostitute e trans che hanno deciso di dare una svolta alla propria vita impegnandosi in prima persona in questo bellissimo progetto turistico-culturale.
E dunque ecco che è possibile partecipare a uno dei tour di Catania Segreta ed esplorare il quartiere di San Berillo insieme a Maurizio Wonder e alle sue colleghe, che vi condurranno nel dedalo di piccole stradine e vicoli, raccontandovene i segreti, la storia, le curiosità, gli spaccati di vita vera e gli aneddoti legati al mestiere più antico del mondo.
Noi abbiamo partecipato al tour in prima persona, e vi assicuriamo che è davvero un'esperienza da non perdere, che vi lascerà soddisfatti e arricchiti culturalmente e umanamente!

Per partecipare al tour basta prenotarsi tutti i giorni dalle 10 alle 21 a questi contatti:
+39 095 9890689
+39 3936864753
+39 3284948029
gaerusso@yahoo.it

Il tour dura circa 1 ora e mezza ed è adatto a tutti, grandi e piccini. Nessuna scena erotica durante la visita, la passeggiata ha un approccio culturale, storico ed antropologico che mira a valorizzare il quartiere e i suoi abitanti mantenendone la peculiarità e l'identità.





Buon divertimento!
Siamo certi che apprezzerete questa chicca che vi proponiamo...fateci sapere le vostre impressioni e postate le vostre foto sui nostri canali social ;)

Clicca qui per scaricare le audio guide!