30/11/13

A colazione in giro per il mondo: oggi frittelle polacche


Buongiorno amici di Listen e benvenuti per la terza tappa del nostro attesissimo incontro settimanale con le colazioni internazionali.
In queste settimane vi abbiamo suggerito le ricette di piatti tipici da colazione. Il primo sabato ci siamo svegliati negli Stati Uniti e abbiamo preparato dei buonissimi Pancakes(qui la ricetta), il sabato successivo ci siamo spostati, invece, in Medio Oriente con una colazione a base di Pane Naan( qui la ricetta).
E oggi?Oggi si va in Polonia!!
Uova strapazzate coperte con fette di salsiccia fatta in casa(kielbasa) e frittelle di patate: questa la tipica e tradizionale colazione polacca.
Adesso rimbocchiamoci le maniche e prepariamo delle buonissime frittelle, perfette a dire dei polacchi a colazione ma buonissime anche a pranzo o a cena. Se volete mangiarle nella versione tradizionale a fine cottura accompagnateli da panna acida, erba cipollina e cetrioli altrimenti gustatele semplicemente così come sono!
Iniziamo

Ingredienti:
-800 g di patate
-1 uovo
-1 cipolla
-3 cucchiai di farina
-sale 
-pepe
-olio di semi per friggere
-panna per accompagnare

Preparazione
Prendete le patate ancora crude sbucciatele e grattugiatele.
Mettetele a riposare per qualche minuto in uno scolapasta in modo che perdano un po’ di acqua e subito dopo aggiungete l’uovo, la cipolla tritata, la farina, un po’ di sale e un po' di pepe.
Amalgamate fino ad ottenere un impasto non troppo liquido e quando l'olio sarà caldo versategli il composto un cucchiaio alla volta.
Girate le frittelle e lasciatele dorare da entrambe le parti.

E adesso…buon appetito o forse in questi casi sarebbe meglio dire, sperando di non sbagliare, dobry apetyt!!!ù


Scopri qui gli indirizzi migliori per dormire, gustare la cucina tipica, divertirti e fare shopping durante il tuo viaggio in Sicilia


Forse potrebbero interessarti:

27/11/13

ChocoModica, prendi una pausa con il gusto


Una calda bontà, un dolce assaggio, un piccante attimo, un piacevole momento.
Avete capito di cosa parliamo? Del cioccolato, ovviamente. E modicano per di più. Celebrato in tutte le sue forme nella kermesse che si terrà dal 6 all’8 dicembre nella città di Modica.
Una tre giorni ricca di gustosi eventi che avrà come protagonista il famosissimo cioccolato modicano
In scena l’intramontabile tavoletta aromatizzata, la gustosa cioccolata in tazza e le spettacolari Chocosculture celebrate con la Fabbrica del Cioccolato e il Chocovillage per i più piccoli, i Chocosalotti(incontri letterari e convegni sul tema) e le perfomance musicali e teatrali per i più grandi.
Un contenitore ricco e variegato che animerà il centro storico della città barocca totalmente libero dal traffico e percorribile anche con visite guidate alla scoperta dei monumenti gotici e barocchi, con passeggiate in bike, Chocotrain e tour in 500.
Un evento da non perdere per tutti gli amanti del cioccolato e non solo, per tutti gli amanti della storia e delle tradizioni, del teatro e della musica, degli spettacoli e del divertimento.
Noi di Listen ci saremo e voi?


INFO UTILI:
-Per scaricare il programma dell’evento cliccate qui. 
-E' previsto un servizio di bus navetta che collegherà i parcheggi periferici con il centro città. Il costo del biglietto andata e ritorno è di € 1,50.
-Per seguire tutte le fasi della manifestazione in diretta streaming collegatevi sul sito www.chocomodica.it
-Per visitare la città utilizzando le nostre AUDIOGUIDE scaricate GRATIS l'App per la città di Modica. La trovate sugli store Apple e Android con il nome "Audio Guide Modica"


FORSE POTREBBERO INTERESSARTI:
-Dagli Aztechi ai giorni nostri: tradizioni e sapori del cioccolato modicano
-Lungo la via del cioccolato si passa dalla Sicilia



Scopri qui gli indirizzi migliori per dormire, gustare la cucina tipica, divertirti e fare shopping durante il tuo viaggio in Sicilia




26/11/13

Cosa serve al turismo siciliano per fare il salto di qualità?



Il 2013 è stato un anno tutto sommato positivo per il turismo siciliano con una leggera crescita rispetto all’anno precedente. Tuttavia, visti gli sforzi e i notevoli investimenti fatti ad esempio in promozione, era probabilmente lecito aspettarsi qualcosa in più. L’isola è ben collegata al resto dell’Italia, come dimostrano i ricercatissimi voli Milano Palermo e senza contare quelli per diverse importanti città del continente, nonché la recente apertura del nuovo aereoporto di Comiso.

Dell’argomento si discusso recentemente in un incontro a cui hanno partecipato, tra gli altri, sociologi e consulenti del turismo. Tra i temi toccati ci sono la necessità di non aspettare aiuti e di contare sulle proprie forze creando anche partnership, oltre che di sviluppare il brand “Sicilia”. Tra i problemi evidenziati ci sono a volte una scarsa formazione e preparazione da parte di alcuni addetti ai lavori, in alcuni casi con scarse conoscenze linguistiche, e una rete dei trasporti non adeguata ad effettuare comodi spostamenti tra le varie località.

Parlando di Catania, in città non esiste un corso di laurea dedicato al turismo e nonostante la metropoli etnea sia una destinazione turistica e piena di hotel, solo il 20% dei collegamenti è di tipo turistico. A questo proposito alcuni mesi fa si era fatta avanti la Ryanair, che aveva proposto voli low cost a prezzi molto interessanti per rilanciare il settore. Creare corsi di laurea sul turismo permetterebbe di creare professionisti del settore per fornire soluzioni per quanto concerne il marketing e la comunicazione, aiutando a sviluppare il territorio e le imprese esistenti e nuove. 

Altri problemi riguardano senza dubbio il sistema di trasporti interno delle città e i collegamenti tra queste. Regioni come la Lombardia nonostante non abbiano certo la bellezza, il mare e il clima della Sicilia, stanno conoscendo un periodo piuttosto positivo dal punto di vista turistico anche grazie a una rete di collegamenti che permette di fruire di tutte le qualità della regione.

Tra due anni si terrà a Milano Expo 2015, che potrebbe costituire un’interessante opportunità per il rilancio e il riposizionamento del territorio siciliano (sono previsti 2 milioni di euro per la partecipazione all’evento milanese). Un altro treno che sta per passare: a questo proposito sarà importante per operatori del settore e imprenditori locali preparasi adeguatamente a cogliere l'occasione per far fare, finalmente, il meritato salto di qualità alla “destinazione Sicilia”.

Scopri qui gli indirizzi migliori per dormire, gustare la cucina tipica, divertirti e fare shopping durante il tuo viaggio in Sicilia

25/11/13

Stop alla violenza sulle donne: noi lo diciamo leggendo "Quello che resta", il libro che racconta la storia di Stefania Noce.


Il 25 novembre 1960, nella Repubblica Dominicana, vennero assassinate le tre sorelle Mirabal per il loro impegno politico contro l'allora dittatore Trujilllo. 
Nel 1999 l'Assemblea Generale delle Nazioni Unite istituisce, proprio in questa data, la "Giornata internazionale contro la violenza sulle donne": il 25 novembre è diventata così la data simbolo dell'atto di accusa della società civile nei confronti del fenomeno, paurosamente in crescita, della violenza sulle donne, con l'invito a governi, organizzazioni non governative, media e società a sensibilizzare il mondo contro una simile mostruosità.
Oggi, anche noi di Listen to Sicily vogliamo raccogliere questo invito e lo facciamo presentandovi sulle pagine del nostro blog un libro che vi emozionerà, vi sconvolgerà, vi farà arrabbiare e vi farà riflettere, un libro che parla dell'atto peggiore e più basso cui il concetto di "violenza sulle donne" possa dare vita: il femminicidio.
"Quello che resta. Storia di Stefania Noce - Il femminicidio e i diritti delle donne nell'Italia di oggi": ecco il titolo del libro di cui vi parliamo. Un testo a cui siamo molto legati, non solo perchè edito da Villaggio Maori Edizioni, casa editrice "mamma" di Listen to Sicily, ma soprattutto perchè narra con una semplicità disarmante la storia agghiacciante di una ragazza come noi, che studiava nella nostra Catania, che aveva un'età molto vicina alla nostra, che sognava esattamente come noi e come migliaia di giovani; una ragazza che è stata brutalmente uccisa dall'ex fidanzato la mattina del 27 dicembre 2011.


L'autrice del testo, Serena Maiorana, giovane scrittrice messinese, racconta la storia di Stefania ripercorrendone le tappe attraverso i racconti e le testimonianze di parenti e amici: la madre Rosa, il padre Nanni, l'amica Serena Morello, ma soprattutto i testi e gli articoli scritti dalla stessa Stefania, traccia del suo impegno politico e sociale per la giustizia e della sua lotta per il rispetto dei diritti.
L'autrice, senza la minima traccia di quella morbosità che purtroppo troppo spesso contraddistingue l'approccio dei media ai fenomeni di cronaca nera, narra la vita di Stefania attraverso le sue battaglie politiche dando vita a un testo che è un omaggio a Stefania Noce e a tutte le - troppe - donne che ogni giorno muoiono di femminicidio in Italia e nel mondo. 
Le parole sono inutili, in questi casi; non ci sono parole per descrivere un fenomeno come questo, così paurosamente e inaspettatamente diffuso in un paese che si professa "moderno" ed "evoluto" come l'Italia, in ambienti socio-culturali che tutti noi immagineremmo lontani da atteggiamenti e avvenimenti di simile vergognosa bassezza. 
Vi consigliamo semplicemente di leggerlo, di farlo leggere, di riflettere. E di non dimenticare.
Lo trovate nelle librerie (se non disponibile verrà ordinato e arriverà nel giro di 2 giorni), o direttamente sul sito della casa editrice. E se siete tecno-lettori armati di Kindle o simili, lo trovate anche in versione e-book su Book Republic.
Buona lettura!

Scopri qui gli indirizzi migliori per dormire, gustare la cucina tipica, divertirti e fare shopping durante il tuo viaggio in Sicilia

20/11/13

Viaggio low cost nello spazio, tutti a bordo di un pallone aerostatico


iPhone, fotocamere, hamburger, Lego: abbiamo già mandato di tutto nello spazio e non c’è da meravigliarsi se in un futuro, neanche troppo lontano, anche gli uomini si imbarcheranno su un pallone aerostatico per un viaggio nello spazio.
A dire il vero il termine “spazio” non è del tutto appropriato in quanto la capsula di cui parliamo raggiungerà al massimo i 30 km di altitudine restando tecnicamente all’interno dell’atmosfera, questo permetterà agli individui a bordo di non indossare speciali tute spaziali e di non avere a che fare con la mancanza di gravità.
Delusi?L’idea in realtà è quella di offrire un viaggio nello spazio “alla portata di tutti”,che sia economico e che non richieda una preparazione specifica da parte di tutti i viaggiatori. Per accedere alla capsula, che verrà portata in alto da un pallone aerostatico, infatti, la World View Enterprises chiederà soltanto un biglietto del costo di 75 mila dollari!
Non vi sembra low cost? Se non è proprio economy lo è di certo rispetto ai viaggi nello spazio progettati da altre compagnie private come ad esempio la Virgin Galactic del miliardario Richard Brenson. Il costo del biglietto, che prevede però dei viaggi in microgravità e a quasi 100 km di altitudine, è di 250 mila dollari (ve ne abbiamo parlato qui).
Che ve ne pare? Volete prenotare un posto? Dovrete avere pazienza, la World View Enterprises per avviare la vendita dei biglietti del primo volo previsto entro il 2016 dovrà attendete il nulla osta della Federal Aviation Administration in quanto non è ancora chiaro se la capsula verrà considerata una nave spaziale, definizione che comporterebbe tutta una serie di misure di sicurezza.
Quel che ci resta da fare allora è iniziare a risparmiare per il biglietto e nel frattempo continuare a sognare di viaggiare un passo vicino alle stelle...o quasi.


Potrebbe interessarti:
-Turisti per due ore, viaggi in microgravità



Scopri qui gli indirizzi migliori per dormire, gustare la cucina tipica, divertirti e fare shopping durante il tuo viaggio in Sicilia

16/11/13

A colazione in giro per il mondo: oggi Pane Naan


Ogni promessa è debito ed eccoci qui, infatti, pronti per la seconda tappa del nostro tour in giro per le colazioni del mondo. Per chi non ci avesse letto sabato scorso vi spieghiamo un po’ come funziona.
Se viaggiare non è sempre alla portata di mano proveremo almeno ogni sabato mattina a immaginarci in un posto diverso. Ci sveglieremo una volta negli Stati Uniti, una volta in Francia, un’altra ancora in Giappone e per rendere il tutto ancora più credibile faremo colazione esattamente come gli abitanti del posto.
Noi di Listen vi aiuteremo di volta in volta presentandovi i piatti tipici e dove necessario le ricette per prepararli.
Sabato scorso abbiamo fatto colazione all’americana preparando i buonissimi e famosissimi pancakes (potete leggere la ricetta cliccando qui) oggi invece ci spostiamo dall’altra parte del mondo, in Medio Oriente con il Pane Naan.
Questo è un tipo di pane poco lievitato di origine pakistana ma diffuso in tutto il Medio Oriente e particolarmente popolare in India, Afghanistan e Iran.
Essendo un vero e proprio pane accompagna ogni pasto e può essere consumato come contorto o essere a sua volta farcito ad esempio con una mistura di carne macinata, con una di noccioline e uvetta o ancora con del formaggio.
Ma concentriamoci sulla colazione. Quella di tutti i giorni prevede Pane Naan con burro e marmellata, accompagnato da tè o caffè,  mentre la colazione della festa è un’altra cosa.
Quando si vogliono fare le cose in grande, infatti, si mangia l’halim: grano, cannella, burro, zucchero e straccetti di manzo cotti insieme in enormi pentole. 
Ma adesso divertiamoci a preparare il Pane Naan

INGREDIENTI:
- 400 gr. di farina 
- 200 gr. di yogurt al naturale 
- 1 cubetto di lievito di birra 
- 1 cucchiaino di miele 
- Sale q.b.


PREPARAZIONE:
Sciogliete il lievito di birra in poca acqua tiepida aggiungendo il cucchiaino di miele. 
Disponete la farina su un piano di lavoro, aggiungete un pizzico di sale e versate, in una piccola cavità che avrete creato al centro, lo yogurt e il lievito sciolto.
A questo punto dovrete impastare fino ad ottenere un composto morbido e lasciare riposare per un’ora circa.


Quando la pasta sarà lievitata, create delle palline e stendetele con il mattarello fino ad ottenere dei dischi alti circa un centimetro.

Adesso siete pronti per la cottura: mettete sul fuoco a fiamma alta una padella antiaderente e quando è calda, cuocete il pane facendolo rosolare.

Che dirvi ancora? Vi auguriamo un buon appetito dal sapore medio orientale e una buona giornata, amici di Listen! 

Scopri qui gli indirizzi migliori per dormire, gustare la cucina tipica, divertirti e fare shopping durante il tuo viaggio in Sicilia. 

14/11/13

Ryanair: voli a € 14,99 per Bruxelles, Malta, Parigi, Barcellona e...


Stanchi del lavoro e della solita routine?Volete prendervi due giorni di riposo dallo stress quotidiano?
Ryanair, amica dei turisti low cost, lancia una nuova offerta: prenota entro la mezzanotte di oggi e viaggi dal 02 dicembre al 30 gennaio 2014 ad una tariffa di sola andata di €14,99.
Tantissime le destinazioni possibili in tutta Italia e anche fuori dai confini dello stivale!
Qualche esempio?Guardate qui…
Da Roma

Se partite invece da Milano sempre a € 14.99 potrete raggiungere: Barcellona, Birmingham, Bruxelles, Parigi, Malta e tantissime altre mete.
E adesso uno sguardo alla Sicilia.
Da Trapani
Queste sono solo alcune delle offerte. Affrettatevi, collegatevi al sito e fino alla mezzanotte di oggi potrete prenotare le vostre vacanze a costo zero..o poco più!!!

Se invece vi sentite particolarmente generosi o dovete fare un regalo ad un amante dei viaggi ci sono sempre i buoni sconti da € 25,00.
Permettere così ai vostri amici e familiari di decidere dove e quando andare tra le 1500 rotte Ryanair in oltre 28 paesi. Il buono sarà inviato per e-mail direttamente al destinatario compreso di un messaggio personalizzato. 


Scopri qui gli indirizzi migliori per dormire, gustare la cucina tipica, divertirti e fare shopping durante il tuo viaggio in Sicilia

12/11/13

Maison Decò: vivere dentro un sogno fantastico.


“Credo di essere una delle persone più gelose del mondo. La mia mano destra è gelosa se la sinistra dipinge un bel quadro” diceva Andy Warhol, chissà se anche la mano sinistra di Claudia è gelosa della destra visto che di quadri belli ne ha realizzati davvero tanti per arredare il suo B&B, di cui vi parliamo oggi.
Maison Decò è un originalissimo B&B sito in un elegante palazzo del 1900 nel centro storico di Catania, interamente realizzato dalle abili mani della pittrice catanese Claudia Corona.
E’ stata lei che con cura del dettaglio e gusto per l’eleganza e l’estro ha restaurato gli eleganti soffitti e arredato gli ambienti. Ha cercato, scelto e decorato i mobili trovati tra i mercatini, i rigattieri e le vecchie soffitte.
Ogni angolo del B&B sembra possedere un’anima e ogni camera è unica nel suo genere, personalizzata in ogni dettaglio, dalle particolarissime testate dei letti, veri e propri dipinti, ai singoli accessori.
Bianca, Rossa, Stripes, Turchese e Verde ogni nome dà un volto alla camera ma entrarci è tutta un’altra storia, si ha come la sensazione di vivere dentro un sogno fantastico.
La cucina, che è sempre a disposizione di tutti gli ospiti, è grande, spaziosa e luminosa e si affaccia su una delle arterie più importanti della città. Quindi, se il gusto gioioso e l’originalità degli arredi non bastassero, il B&B è in una posizione strategica e centralissima della città. Gli ospiti hanno la possibilità di spostarsi a piedi per essere in pochi minuti nel cuore della città tra ristoranti, pub, teatri, cinema e negozi.
Altro da dire? Forse manca soltanto un particolare per completare il ritratto di questo B&B ed è, a nostro parere, tra gli elementi più importanti per chi deve scegliere dove soggiornare in vacanza.
“Fai come se fossi a casa tua” questo è il motto di Claudia, lo spirito con il quale accoglie tutti gli ospiti del suo B&B.
Farli sentire a casa anche se non lo sono è il suo compito!
E poi guardate che casa… 










Per ulteriori info sul B&B clicca qui e scopri qui gli indirizzi migliori per gustare la cucina tipica, divertirti e fare shopping  e per scaricare tutte le audio guide utili nel tuo viaggio in Sicilia


09/11/13

A colazione in giro per il mondo: oggi Pancakes


“Chi ben inizia è a metà dell'opera”, si usa dire, e forse è anche per questo che la colazione è considerata il pasto più importante della giornata. Un vero e proprio rituale per molti di noi e, ovviamente, ognuno sceglie le componenti perfette per il proprio rito.
Espresso, ristretto, lungo o d’orzo. Macchiato, schiumato o shakerato. Caffè latte, latte macchiato e cappuccino. Fette biscottate e marmellata o yogurt e cereali. E se queste sono solo alcune delle possibili scelte della classica colazione all’italiana pensate un po’ se proviamo a mettere il piede fuori dai confini dello stivale.
Capiremo subito che si fa presto a dire “colazione” ma in realtà questa parola è la perfettissima sintesi di mille modi diversi di mangiare e iniziare la giornata.
Noi di Listen che siamo dei tipi alquanto curiosi e sempre pronti a fare nuove esperienze abbiamo pensato di regalarci un ciclo di colazioni internazionali e di condividerle con voi.
Lo faremo di sabato presentandovi la colazione tradizionale di uno stato e dove è necessario la ricetta di un piatto tipico.
Che ne dite?Pronti a partire?

Prima tappa del nostro tour gli Stati Uniti con la cosiddetta colazione all’americana e i suoi tradizionali Pancakes!
Cerchiamo di essere sinceri: quante volte li abbiamo visti nei film e ci siamo chiesti puntualmente “chissà come sono”?
Dobbiamo immaginarli come delle mini crepes ma un po’ più spesse e spugnone, generalmente accompagnate dallo sciroppo d’acero e dai mirtilli ma nulla ci impedisce di assaporarle, per esempio, anche con della marmellata o crema al cacao e nocciole.
E adesso smettiamo di immaginarli e iniziamo a prepararli:

INGREDIENTI
-125 gr di farina
-25 gr di burro
-Sale
-2 uova
-200ml di latte
-6 gr di lievito in polvere
-15 gr di zucchero

INGREDIENTI PER GUARNIRE
- Zucchero a velo
- Sciroppo di acero

PREPARAZIONE
Prima cosa da fare è dividere gli albumi dai tuorli e versare i tuorli in un recipiente, dove, miscelando con la forchetta, aggiungeremo anche il latte e il burro fuso.
Dopo che avremo mescolato bene tutti gli ingredienti potremo aggiungere anche il lievito e la farina preventivamente mischiati e setacciati.

Adesso montate i bianchi d’uovo, insieme al pizzico di sale e allo zucchero, a neve piuttosto morbida (assolutamente non ferma) e uniteli al composto di latte e uova e burro e farina.
Mettete a scaldare su fuoco medio un pentolino antiaderente del diametro di 10/12 cm e spennellatelo con un filo di burro. Versate al centro del pentolino un mestolino di preparato e lasciate che si espanda da solo.
Non appena il pancake sarà dorato, giratelo sull’altro lato.

Appena pronti poggiate i pancakes su un piatto e impilateli uno sopra l'altro (dovrebbero essere circa 12) e serviteli caldi e cosparsi di zucchero a velo e sciroppo d’acero. Potete accompagnarli e guarnirli con della frutta fresca.

Adesso i vostri Pancakes sono pronti e anche voi siete pronti per gustare un’ottima colazione all’americana che sarà veramente yankee solo con un ottimo succo di frutta o un caffè lungo, un paio di fette dell’amato bacon e qualche uovo.
Del resto la parola d’ordine è abbondanza!