29/07/13

Il versante orientale dell'Etna e la Riviera dei Ciclopi

Foto: www.meteoweb.it


Se vi doveste trovare nel catanese con un vostro mezzo a disposizione a 2 o a 4 ruote ed aveste una giornata da voler dedicare ad un itinerario mozzafiato, vi proponiamo questo bel giro con partenza ed arrivo da/a Catania, che, in direzione nord corre quasi sempre tra i 1.000 ed i 1.800 m.s.l. sul fianco orientale dell’Etna, toccando in un continuo e sinuoso saliscendi i più suggestivi paesi etnei, per poi dirigersi verso sud lungo la Riviera dei Ciclopi, attraversando splendide località marittime.
Uscite, dunque, da Catania, in direzione Gravina di Catania ed imboccate la strada provinciale 10 sino a Nicolosi e la strada provinciale 92 in direzione Zafferana Etnea.
La strada è un susseguirsi di curve e tornanti raccordati da brevi rettilinei, prima in salita e poi, dopo aver raggiunto la località Cantonera, in discesa sino a Zafferana Etnea.
Man mano che si sale i castagni lasciano il posto a radi arbusti e ad una vegetazione sempre più scarsa, sino a giungere ad un vero e proprio paesaggio lunare, di sconvolgente bellezza ed alienazione, composto da cumuli di pietra lavica, risultato di colate vulcaniche rafferme avvenute in diversi periodi storici, spesso caratterizzate da soffioni di fumo caldo.
Potete programmare “una dolce sosta” a Zafferana Etnea, nota per la produzione del miele e di una varietà di prelibatezze a base di pistacchio e mandorla.


Proseguendo quindi in direzione di Milo e, successivamente, seguendo la strada Mareneve che sale verso il Rifugio Citelli – dove gli uliveti lasceranno il posto a boschi di betulle e di conifere – volgerete alla volta di Linguaglossa, ultimo paese pedemontano del nostro itinerario prima di scendere verso il mare per raggiungere, percorrendo la strada statale 120, prima la località di Piedimonte Etneo e, poi, quella di Fiumefreddo di Sicilia, dove, nei mesi caldi, potrete decidere di fermarvi per un bagno rinfrescante in località Marina di Cottone, più volte insignita della bandiera blu per la limpidezza delle sue acque.

Photo: www.liberamentesemplice.wordpress.com
Photo: www.guidasicilia.it
La strada statale 114 Orientale Sicula ridiscende in direzione Catania, congiungendo le affascinanti località della Riviera dei Ciclopi, quali Acireale, Aci Castello ed Acitrezza, col profumo dei limoneti misto a quello della leggenda di Polifemo – che scagliò dei massi dalla fucina dell’Etna contro Ulisse, ancor’oggi identificabili negli scogli aguzzi di fronte ad Acitrezza – ed a quello della letteratura verista, che nei Malavoglia verghiani rivive quotidianamente nell’andirivieni delle battute di pesca dal piccolo porto del borgo di mare situato in questo splendido tratto di costa, dove, fermandovi in uno delle tante trattorie di mare, potrete gustare il pescato locale, per chiudere degnamente il nostro itinerario tra il vulcano, il cielo ed il mare.

Nessun commento:

Posta un commento