30/03/13

Per Pasqua Cassate di Ricotta

La Pasqua è ormai arrivata e in una terra dalla tradizione culinaria così ricca come la Sicilia non potevano di certo mancare i piatti tipici per la festività pasquale.
Elencarli tutti sarebbe praticamente impossibile anche perché le specialità e le ricette cambiano di città in città, di paesino in paesino.
A Ragusa, ad esempio, la Pasqua viene celebrata con due  famosissimi piatti a base di agnello: Impanate e Turciniuna.
La prima prende il nome dall’impasto di pane sottile e morbido, quasi una crosta, che avvolge, appunto, la carne di agnello condita con prezzemolo, cipollina novella, pepe e sale e cotta al forno possibilmente a pietra.
Stesso impasto, stesso procedimento, stessa crosta potremmo quindi dire “stessa impanata” a pochi di chilometri di distanza da Ragusa prende un aspetto completamento diverso: viene condita con cavolfiori, funghi, spinaci, salsiccia,olive,patate. Niente a che vedere insomma con l’Impanata ragusana.
In questo splendido mix di tradizioni, ricette e specialità tipiche ce n’è una che supera i confini delle città e dei paesini e  diventa l’emblema della Pasqua in Sicilia..o per lo meno nella Provincia di Ragusa: la Cassata di Ricotta.
Questa, da non confondere con la Cassata siciliana di cui vi abbiamo parlato in questo post, è un piccolo cestello riempito di  ricotta e spolverato di cannella, un dolce che tradizionalmente si prepara soltanto nei giorni di Pasqua.
L’impasto, che serve a creare il cestello del nostro dolce, si ottiene miscelando farina di grano duro, lievito, strutto, uova e zucchero, e impastando il tutto con vigore.
Il canestrino di base è formato da un disco di pasta del diametro di circa 10 centimetri al centro del quale si dispone una cucchiaiata abbondante di ricotta preventivamente setacciata e lavorata con cannella e zucchero.
I bordi esterni del dischetto vengono sollevati e pizzicati tra indice e pollice.
Non appena cotta, il risultato è una fragrante e dorata coroncina di pasta, ripiena di dolce e gustosa ricotta, spolverata infine di profumata cannella.
Una bontà unica e assolutamente da provare.

Scopri qui gli indirizzi migliori per dormire, gustare la cucina tipica, divertirti e fare shopping durante il tuo viaggio in Sicilia

26/03/13

Viaggiatori e scalatori provetti: Google Street View arriva sulle vette più alte

E’ ufficiale: Google vuole proprio conquistare il mondo e per fortuna la sua conquista è anche una nostra conquista.
Come tutti sappiamo Google Maps con Street View ci consente di esplorare luoghi di tutto il mondo con immagini a livello stradale a 360°. Si possono esplorare i monumenti più suggestivi del mondo, visualizzare meraviglie naturali, ripercorrere un itinerario di viaggio, entrare in ristoranti e negozi o persino visitare l'Amazzonia!
Qual è allora la novità? Google vuole conquistare le 7 vette più alte al mondo ed è riuscito a conquistarne già 4: L’Everest in Nepal (8.848 m), Aconcagua in Sud America (6.962 m), Kilimangiaro in Africa (5.895 m) e Elbrus (5.642 m) in Europa.
Quante volte pensando ad esempio all’Everest ci saremo chiesti cosa si vede da lassù?
Adesso basterà giocare un po’ meno di immaginazione e un po’ più di click per avere una visuale completa a 360° dalle cime più alte.
Il merito è di Google Mountain Enthusiastic, il gruppo Google addetto alle spedizioni, che nell'ultimo anno e mezzo ha scalato alcune delle vette più impervie di quattro continenti per regalarci l'emozione di guardare oltre l'orizzonte dal Kilimangiaro o magari attraversare un ponte sospeso fra le vette del Nepal.
In un solo caso non sono potuti arrivare fino all'obiettivo: l'Everest, dove a causa del maltempo sono stati bloccati alla base (Everest Base Camp).
L’idea sarebbe un’estensione delle splendide panoramiche caricate su Google Street View, ultima delle quali il trekking del Grand Canyon, anche se in quel caso gli scatti erano stati realizzati con attrezzature più sofisticate delle fotocamere digitali su un leggero treppiedi e obiettivo fish-eye con le quali sono state fotografate le montagne.
Le immagini ci mostrano non solo i panorami mozzafiato immortalati sulle vette, come ad esempio quella del Monte Kilimanjaro, il vulcano spento noto come il Tetto d’Africa, ma anche tutti i luoghi affascinanti incontrati durante la spedizione come ad esempio le capanne costruite con barili di petrolio di epoca sovietica sul monte Elbrus in Russia o il monastero di Tengboche a quasi 4000 metri di quota sull’Himalaya.
Amici, noi di Listen abbiamo già viaggiato un po’ e vi abbiamo regalato alcuni scatti, che ne dite di provare anche voi?




Scopri qui gli indirizzi migliori per dormire, gustare la cucina tipica, divertirti e fare shopping durante il tuo viaggio in Sicilia

25/03/13

Qualità, tradizione e solidarietà: Casa Don Puglisi


C’è un posto a Modica dove si respira l’aria delle vecchie botteghe artigianali e dove, seguendo le ricette della tradizione siciliana, vengono realizzati biscotti di tutti i tipi e cioccolata dal gusto intenso.
Questo posto si chiama “Casa Don Puglisi” e qui i prodotti hanno un sapore sicuramente diverso. Un sapore che rimanda a valori e idee come la qualità, la tradizione e soprattutto la solidarietà.
Il Laboratorio Dolciario Casa Don Puglisi, infatti, nasce come cammino di reinserimento delle giovani mamme accolte dalla Casa Don Puglisi, casa accoglienza della Caritas che prende il nome da un prete siciliano ucciso dalla mafia, Don Pino Puglisi, ed è diventato, oggi, una realtà lavorativa basata sul trinomio qualità, tradizione e solidarietà, che si è guadagnata un posto di rilievo nel contesto della produzione dolciaria modicana.
I prodotti, che si possono acquistare presso il punto vendita sito nel centro storico di Modica, sono realizzati nel rispetto della qualità e delle tradizioni e le materie prime utilizzate provengono dal mercato equo solidale.
La produzione di biscotti, dolci e cioccolata risponde a criteri semplici ma indispensabili: il rispetto delle tradizioni, delle ricette e delle consuetudini gastronomiche locali; la cura nella scelta delle materie prime utilizzate e la particolare e scrupolosa attenzione rivolta alle operazioni di preparazione e confezionamento; la continua e vivace ricerca di nuovi gusti e abbinamenti che contribuisce ad esaltare la grande varietà di prodotti tipici d’eccellenza che offre il territorio.
Amaretti, biscotti al latte, bucce di arancia candite o ricoperte di cioccolato, dessert di mandorla, dolci alla carrubba, dolci al pistacchio, fiocchi di neve, frollini allo zenzero e roibos, mostaccioli, mpanatigghie, nucatoli, ricciolini, squisiti alla arancia e alla cannella sono solo alcuni dei prodotti che si possono ammirare nelle vetrine del punto vendita insieme alla buonissima cioccolata modicana prodotta in laboratorio. Cioccolata disponibile sia nei tradizionali gusti alla vaniglia e alla cannella e sia nei gusti più nuovi ed originali come al peperoncino, allo zenzero, all’arancia, al bergamotto, al caffè, al mandarino e al pistacchio di Bronte.
Il laboratorio Casa Don Puglisi che fonda il suo lavoro sui principi della qualità, della tradizione e della solidarietà è oggi riconosciuto e apprezzato nel campo della tradizione dolciaria modicana e, come ha voluto definirlo una prestigiosa rivista australiana, è “una delle dieci esperienze più dolci da fare in giro per il mondo”.

Per maggiori info clicca 
qui oppure visita il sito

Forse potrebbero interessarti anche:












Scopri qui gli indirizzi migliori per dormire, gustare la cucina tipica, divertirti e fare shopping durante il tuo viaggio in Sicilia

21/03/13

BENTORNATA PRIMAVERA! LE FESTE DELLA FIORITURA DA NON PERDERE




Al parco Sigurtà di Valeggio sul Mincio (Verona) si festeggiano i tulipani e lo sbocciare di oltre 150 varietà dei colorati fiori. 
E’ la fioritura più ricca del sud Europa e la più importante in Italia, oltre ad essere un appuntamento che nel tempo sta raccogliendo sempre più fan: è Tulipanomania, una vera e propria “mania dei Tulipani”. Nei mesi di marzo e aprile 2013 un milione di coloratissimi bulbi sbocceranno sui manti erbosi del Parco Giardino Sigurtà: un vero e proprio spettacolo della natura in uno dei parchi naturalistici più straordinari al mondo. 
Accompagnati a giacinti, muscari e narcisi, centocinquanta varietà di questi fiori tipici dell’Olanda si mostreranno sia in forma naturalizzata, sia in eleganti aiuole create dall’estro del Conte Sigurtà, dove i Tulipani saranno differenti per altezza, dimensione e colore. Sfumature che vanno dal giallo arancio al rosso, dal ciclamino al bianco saranno, insieme alle particolari varietà scure di Black Hero e di Queen of the Night, il leitmotiv di questa prima (in ordine cronologico) fioritura stagionale. Una curiosità? L’edizione 2013 di Tulipanomania presenterà un’aiuola da Guinness dei primati: una passeggiata fiorita tra i coloratissimi Tulipani lunga più di 400 metri! 

A Capannori (Lucca) si festeggiano le camelie. Quello del 23 e del 24 è l'ultimo weekend della mostra ricca di eventi eterogenei. 




Continueranno anche il prossimo weekend gli appuntamenti musicali e culturali in genere a S. Andrea e Pieve di Compito in occasione della Mostra Antiche Camelie della Lucchesia. Il Laboratorio musicale La Rondine, protagonista domenica 17 marzo di Arpe in concerto presso la Chiesa di S. Andrea di Compito, tornerà anche la prossima settimana con performance musicali e letture in collaborazione con la libreria Fuoriporta di Lucca. Spazio anche alla poesia sabato 23 marzo con Tentativo di poesia nel Camelieto, un’idea di Annarita Zacchi e Leonardo Gandi, tre soste nel Camelieto dove leggere e ascoltare poesie, con testi di Yves Bonnefoy, Philippe Jaccottet, Vittorio Sereni, Andrea Zanzotto, e un omaggio alla Garfagnana di Annarita Zacchi. Domenica 24 sarà la volta della delegazione del Festival Csipero, il festival europeo della gioventù della città di Kecskemét che, in collaborazione con la scuola media don Aldo Mei di San Leonardo In Treponzio, presenterà danza e musica tradizionale della Puszta ungherese. Dopo il grande successo dello scorso weekend, tornerà anche la gelateria Anfiteatro, presso gli spazi espositivi del Centro Culturale, con il gelato al tè di Compito e altre prelibatezze. 

Ancora un evento: da fine marzo a fine maggio Firenze celebra il suo fiore: l'iris, lo stesso che sta al centro del gonfalone fiorentino) a Piazzale Michelangelo con la Festa dell'Iris




Il giardino dell’Iris a piazzale Michelangelo aprirà i suoi cancelli dal 25 aprile al 20 maggio, tutti i giorni dalle 10 alle 12,30 e dalle 15 alle 19, ad eccezione della mattina del 4 maggio. 
Presso il giardino si svolgerà il 53° Concorso Internazionale dal 4 al 9 maggio. 
Saranno questi i giorni in cui la giuria, 5 membri, 2 di provenienza italiana, uno inglese, uno di provenienza tedesca e uno statunitense, valuterà le Iris in concorso, ibridi originali i cui rizzomi, come da regolamento, sono giunti a Firenze e messi in terra 3 anni or sono, consegnati rigorosamente in buste numerate anonime, contenenti un plico sigilato con il nome dell’ibridatore corrispondente. Le identità degli ibridatori saranno dunque rese note unicamente a classifica stilata. 
Gli ibridatori partecipanti al 53° Concorso Internazionale provengono da Australia, Stati Uniti, Canada, Italia, Slovacchia, Russia e Francia. 
La cerimonia di premizaione aperta al pubblico si terrà il giorno 9 maggio alle ore 10 presso il Salone dei Dugento in Palazzo Vecchio. In allegato l’elenco dei premi ch saranno attribuiti 
Nella medesima occasione saranno premiati gli elaborati degli studenti medi fiorentini partecipanti al concorso collegato a tema “Iris e Firenze”. 
Al 50° anniversario della Società Italiana dell’Iris sarà inoltre collegato un torneo sportivo a cui parteciperanno oltre mille studenti, promosso dalla Società Sportiva Pro-Sport e Quartiere 4.

Scopri qui gli indirizzi migliori per dormire, gustare la cucina tipica, divertirti e fare shopping durante il tuo viaggio in Sicilia

IN SICILIA PARIGINI FOR BREAKFAST: LA RICETTA DELLE NONNE



Ottimi da gustare a colazione insieme a un bicchiere di latte, oppure di pomeriggio durante l'ora del tè, possono diventare anche una gustosa merenda per i bambini: ecco la ricetta dei biscotti parigini, dolcetti tipici del periodo pasquale, ma buoni tutto l'anno. Semplicissimi da preparare, buoni al cioccolato, buoni coi canditi, buoni con le mandorle... e rigorosamente made in Sicily! 

Ingredienti:

1 kg di farina 00
400 g di zucchero semolato
250 g di margarina o sugna
4 uova
la buccia di due limoni grattuggiati
2 bustina/e di lievito in polvere per dolci
un uovo sbattuto per la finitura

Preparazione:

I biscotti Parigini sono molto usati ancora oggi anche tutto l'anno proprio per la loro semplicità e gradevolissimo gusto e sostanza.
l'usanza comunque dalle nostre parti ci ricorda gustare questi magnifici biscotti nel periodo di Pasqua... altro nome Pane Parigino.
Versate su una spianatoia la farina formando una fontana.
Unite lo zucchero, la buccia dei limoni, il lievito, 4 uova sbattute insieme alla margarina ammorbidita e iniziate a impastare, fino ad ottenere un composto morbido e lucido.
Dividete l'impasto in quattro parti uguali e lavorandolo su un piano freddo (meglio se è di marmo) formate quattro filoncini piatti.
Riscaldate il forno a 200°C e fateli cuocere per circa 30/35 minuti, avendo cura di spennellare sopra ogni filoncino l'uovo sbattuto per ottenere una gradevole doratura finale.
Appena sfornati e ancora caldi tagliate i filoncini in diagonale, un po' come si fa per i cantucci. se vi piace potete unire nell'impasto mandorle, cioccolato o frutta candita e impreziosire come più gradite questi buonissimi biscotti siciliani.

Scopri qui gli indirizzi migliori per dormire, gustare la cucina tipica, divertirti e fare shopping durante il tuo viaggio in Sicilia


20/03/13

Listen to Sicily: arriva la nuova App per un turismo multimediale

Rullino i tamburi e squillino le trombe o forse sarebbe meglio dire gli smartphone! Disponibile in italiano e inglese, per tutti gli smartphone e i tablet della famiglia Apple e di quella Android, la nuova App Listen to Sicily per la città di Ragusa è finalmente pronta ed è on line.
Proprio così amici di Listen: da oggi potrete scaricare sui vostri supporti multimediali la nostra nuova applicazione che rappresenta l’avanguardia in campo di turismo multimediale.

Confezionato bene in un unico "prodotto" tutto ciò che serve al turista multimediale e a tutti coloro che hanno voglia di scoprire e conoscere la città di Ragusa in un tour fai da te comodo, veloce e ricco. 
Ma procediamo con ordine.

Si chiama “Audio Guide Ragusa” e come già detto è scaricabile tramite Apple Store e Google Play e vi permetterà di conoscere tutti i tesori della Città di Ragusa.
Grazie alle audio guide, infatti, presenti nella App avrete in pochi istanti sui vostri device tutte le informazioni sui monumenti, le chiese e i principali punti di interesse turistico. E se ciò non bastasse un ricco corredo di immagini, approfondimenti e informazioni per muovervi con facilità e conoscere questa bella città barocca.
Da Ragusa Superiore a Ragusa Ibla, la voce di Listen to Sicily vi guiderà dalla Cattedrale di San Giovanni Battista alla Chiesa di Santa Maria delle Scale, dal Duomo di San Giorgio al Circolo di Conversazione, dai Giardini Iblei al Portale di San Giorgio, giusto per fare qualche esempio. Per ogni luogo di interesse turistico avrete anche a disposizione un’ampia Gallery di foto

E ovviamente non abbiamo finito.
La mappa virtuale della città con un semplice tocco vi indicherà: il luogo di interesse turistico più vicino da visitare, le strutture ricettive e ristorative della città, i nightlife, i negozi per fare il vostro shopping e i wi-fi spots gratuiti. Potrete scegliere voi stessi quali di questi elementi, a seconda delle esigenze del momento, visualizzare sulla mappa.
Ecco pronta una dimostrazione.

Nella prima immagine come suggeriscono le icone abbiamo scelto di visualizzare le audio guide e i posti “dove dormire” nella seconda invece le audio guide e le aree wi-fi gratuite.
Interessanti e utili le sezioni “dove dormire”, “dove mangiare”, “night file”, “shopping” e “trasporti” dove avrete accesso a tutti i contatti utili per prenotare il vostro soggiorno, la vostra cena e organizzare i vostri spostamenti.

Ultimo dettaglio ma non meno importante uno sguardo al cielo di Sicilia con un aggiornamento costante sul meteo.
Da non dimenticare infine che l'App, dopo esser stata scaricata, funziona interamente off-line e sarà presto disponibile anche per altre città siciliane.
Per concludere questa breve presentazione dell’ultima arrivata all’interno del progetto Listen to Sicily ci affidiamo alle parole di Salvo Marino uno dei responsabili e tra i fondatori del progetto: “Questa applicazione è un passo in più verso l'affermazione di un turismo sempre più tecnologico e multimediale. Le potenzialità offerte dalle nuove tecnologie per valorizzare il turismo sono enormi e vanno colte: noi di Listen to Sicily lavoriamo in questa direzione già da tre anni, proponendo le audio guide gratuitamente sul nostro portale, veicolandole attraverso la tecnologia dei QR Code e creando una rete tra gli operatori locali dell'ospitalità e della ristorazione per offrire al turista la migliore accoglienza e i migliori servizi”.

Amici di Listen, smartphone in mano e pronti a scaricare per dirci la vostra?


Scopri qui gli indirizzi migliori per dormire, gustare la cucina tipica, divertirti e fare shopping durante il tuo viaggio in Sicilia


15/03/13

COSA FARE A MARZO? ECCO TUTTI GLI EVENTI DA NON PERDERE


Che sia una giornata di nuvoloni e bufera o un timido sole che faccia credere sia primavera, marzo è un mese affascinante e imprevedibile da vivere a pieno aspettando l'estate. Vi proponiamo tanti consigli per goderne i weekend e non solo, con eventi al chiuso o all'aperto, in giro per l'Italia o all'estero. Enjoy!


EVENTI IN ITALIA: 

  • a Pieve e Sant'Andrea di Compito nel comune di Capannori (LU) si svolge la 24^ edizione di Antiche Camelie della Lucchesia (9-10, 16-17 e 23-24 marzo 2013)
  • alle sale ex-leopoldine in piazza Tasso a Firenze si svolge l'Hinamatsuri, la festa giapponese dedicata alla primavera dove si viene in contatto con le tradizioni giapponesi quali la vestizione del kimono e la degustazione del tè (22-24 marzo 2013)
  • 700 luoghi (ville, castelli, monumenti...) gestiti dal Fondo Ambiente Italiano apriranno gratuitamente al pubblico per la 21^ Giornata FAI di Primavera (23-24 marzo 2013)
  • spettacolo primaverile sul Lago Maggiore: negli stessi giorni si tiene la 47^ Mostra delle camelie a Cannero Riviera e la 19^ edizione de Le giornate delle camelie alla Villa Della Porta Bozzolo di Casalzuigno (23-24 marzo 2013)
  • inizia l'anno a Firenze.... lo storico capodanno fiorentino (25 marzo 2013) 
  • anche a Pisa si festeggia il capodanno! (25 marzo 2013)
  • il Festival dei narcisi, uno spettacolo unico: la fioritura del narciso in un parco privato italiano a Villa La Pescigola a Fivizzano (MS) (dal 23 marzo al 14 aprile 2013)
  • torna la Rievocazione Storica della Passione di Cristoa Grassina (FI) (29 marzo 2013)
  • una delle tradizioni più antiche di Firenze: lo Scoppio del Carro, a Pasqua (31 marzo 2013)
  • gli stupendi Archi di Pasqua di San Biagio Platani (AG) (dal 31 marzo al 28 aprile 2013)


ALL'ESTERO:
- La festa di Valencia: Las Fallas! (15-19 marzo 2013)
San Patrick day, la festa più sentita dagli irlandesi (17 marzo 2013) 

- la festa di San Patrizio a Sydney si chiama Paddy's day e si festeggia con una grande parata! (17 marzo 2013) 
- Keukenhof in Olanda, il parco floreale più grande del mondo (e la 3^ attrazione più fotografata in assoluto) apre i battenti (dal 21 marzo 2013) 
- un appuntamento di risonanza mondiale a Locarno, nel Canton Ticino: la Festa delle Camelie (24-28 marzo 2013)

Scopri qui gli indirizzi migliori per dormire, gustare la cucina tipica, divertirti e fare shopping durante il tuo viaggio in Sicilia

In Sicilia arrivano gli hotel diffusi




In Sicilia come un pò in tutta Italia si sta cercando di migliorare il settore turistico e per fare questo si sta puntando su elementi come la destagionalizzazione ed ecosostenibilità. All’isola non manca nulla per competere, visto che ormai è facilmente possibile trovare voli economici per le principali città siciliane e che sono diverse le offerte di voli con hotel che permettono di risparmiare sul prezzo finale.
Una delle ultime strade su cui si sta lavorando riguarda gli hotel diffusi, che puntano a creare strutture ricettive con il corpo dei servizi dislocati a breve distanza, che permetterebbero in un colpo solo di recuperare il patrimonio edilizio locale e di contrastare lo spopolamento dei piccoli comuni, creando al contempo nuova occupazione.
Il progetto nasce da un DDL presentato all'Assemblea Regionale Sicilia dal Movimento Cinque Stelle e più precisamente dalla deputata Claudia La Rocca. Questa forma di ricettività punta a dislocare gli alloggi turistici nelle abitazioni del centro storico, permettendogli così di usufruire immediatamente di locali adibiti a spazi comuni per gli ospiti come ricevimento, sale comuni, bar e punto ristoro. L’albergo diffuso punta ad abbracciare i nuovi modelli di turismo sostenibile, facendo si che il visitatore possa meglio vivere quelle che sono le atmosfere ed i sapori autentici della località che sta visitando, allontanandolo dunque dall’idea di un qualcosa d’artificiale costruito apposta per lui.
Questo gli permetterà di scoprire meglio come scorre la vita ad esempio dei piccoli borghi oltre che nei centri storici, permettendogli peraltro d’apprezzare al meglio i sapori e l’ospitalità tipica siciliana, da sempre punti di forza dell’offerta turistica regionale.
Con questa idea si punta insomma a favorire le piccole e medie realtà in ambito turistico, oltre che ad aprire innumerevoli opportunità per chi vuole investire nell’isola ed al contempo mantenere quelli che sono i beni artistici e strutturali locali, evitando dunque di costruire ulteriormente in una terra dove negli anni si è già costruito fin troppo rispetto a quelle che sono le reali esigenze locali.

14/03/13

St. Patrick's Festival: a Dublino il Festival più famoso al mondo

Il countdown è finito: oggi a Dublino iniziano i festeggiamenti per San Patrizio.
La città si colora di verde ed è pronta ad accogliere non solo gli Irlandesi che si sposteranno nella capitale ma anche tutti i turisti che da ogni parte del mondo hanno deciso di fare le valigie per affollare dal 14 al 18 marzo le strade della città.
Inizialmente concepito in un unico giorno, oggi il St. Patrick’s Festival si estende nell’arco di una settimana e attira un pubblico internazionale sempre maggiore: non solo irlandesi di nascita, quindi, ma anche tutti coloro che si sentono in qualche modo Irish nel cuore.
St. Patrick’s Day, infatti, originariamente una festa religiosa, è diventato negli anni un evento internazionale che oltre a commemorare San Patrizio celebra in generale la cultura irlandese.
Dublino, in questi giorni, si trasforma in un grande palcoscenico dove artisti di strada e gruppi musicali improvvisano spettacoli e concerti in ogni angolo della città, dove regnano la follia e il divertimento allo stato puro.
L’evento clou del Festival è senza dubbio la parata che si tiene ogni anno il 17 marzo, il giorno di San Patrizio, e che attraversa le vie più famose della città, occasione unica in cui l’atmosfera si fa vibrante, l’energia esplode tra migliaia di persone vestite di verde e arancione, il divertimento è assicurato ed è per tutti i gusti e per tutte le età.
Nei giorni del Festival fuochi d’artificio, cacce al tesoro in città, musica e danza irlandese, teatro di strada e circo all’aperto: di tutto e di più.
E se la parata è il momento più suggestivo, le protagoniste della festa sono sicuramente due: la birra, rigorosamente Stout, e la musica.
Numerosi i concerti in programma e se si vuole gustare a pieno lo spirito della festa, andando in giro nella zona di Temple Bar non si faticherà di certo a trovare un pub dove si può assistere alla perfomance di cantanti della musica tradizionale irlandese magari gustando una pinta di Guinness.

Per maggiori info visita il sito ufficiale dell’evento cliccando qui

06/03/13

Quasido: la storia di una nota ribelle al Lumière di Ragusa


Nel pentagramma di Claudio Forti c’è una nota un po’ ribelle, non si accontenta del posto che gli è stato affidato e vuole tentare la scalata sociale.
Quasido è un atto unico di Claudio Forti con la regia di Salvo Ciaramidaro che racconta la storia di una nota musicale e precisamente di un SI che aspira a diventare un DO così da poter raggiungere lo spazio in alto del pentagramma, stanca ormai di essere sempre tagliata in due dalla linea dello spartito.
Interpretata da Diana D’Angelo il personaggio di Quasido è un personaggio complicato e pieno di ambiguità che continuamente cambia toni e umori.
Quasido è un personaggio preso da un forte sentimento di rivalsa che dovrà purtroppo confrontarsi con il mondo, le sue controversie e la sua corruzione che impediranno al SI di realizzare il proprio sogno se non alle condizioni di accettare di vivere in un mondo pieno di falsità e compromessi.
Narrazione di un bisogno di emancipazione sociale e metafora del mondo attuale questo è ciò che Claudio forti vuole raccontare e lo fa attraverso QuasiDo che ha in sé quell’etica e quella morale di cui spesso si sente parlare ma a differenza del modello attuale non viene soppiantata al nascere di nuovi e attraenti baluardi.
Vi abbiamo incuriosito?
Per la rassegnare teatrale Palchi Diversi organizzata dalla Compagnia teatrale G.O.D.O.T. di Ragusa, l’Associazione Teatron di Marsala presenterà venerdì 08 marzo alle 21:00 al Cineteatro Lumière di Ragusa lo spettacolo Quasido, la surreale storia di una nota musicale!


Ingresso in prevendita: adulti 8 euro, bambini 4 euro
Ingresso al botteghino: adulti 10 euro, bambini 5 euro
Info e prevendite Silvia Galifi 339 6188504

Prima dello spettacolo verrà offerto un coktail di benvenuto dalla Compagnia Godot


Scopri qui gli indirizzi migliori per dormire, gustare la cucina tipica, divertirti e fare shopping durante il tuo viaggio in Sicilia

05/03/13

Sei un viaggiatore appassionato di fumetti? I migliori alberghi del mondo in stile comics


“Viaggiare è come sognare”diceva Edgar Allan Poe e se il viaggio è già un sogno immaginate di risvegliarvi in una camera di albergo in cui richiami provengono da un mondo che di reale non ha assolutamente nulla.
Diabolik, Dylan Dog, Betty Boop, Lupen sono solo alcuni dei personaggi che abitano gli alberghi in stile comics che stanno spopolando in tutto il mondo cosicché ogni appassionato potrà scegliere di vivere la propria vacanza in compagnia degli eroi dei propri fumetti o cartoni animati preferiti.
Noi di Listen abbiamo selezionato per voi alcuni alberghi che hanno attirato la nostra attenzione. 

MELIA’ HOTEL
A Milano, nella patria di Diabolik, non poteva di certo mancare un suite che si ispirasse all’avventure del re del terrore!
La Diabolik Comic Experience Room, realizzata in collaborazione con la casa editrice Astorina, è una camera extralusso e ipertecnologica ispirata al look del fumetto. All’interno della camera ogni oggetto sarà, infatti, un invito a calarsi nei panni del “diaboliko”protagonista scoprendo negli arredi le sorprese, l’automazione e le nuove tecnologie del controllo.
In una teca, nascosta tra le pareti della camera, viene custodito addirittura un bottino.

COMICS GUESTHOUSE
 Foto:www.comicsguesthouse.it
Il Comics Guesthouse è un ostello tutto dedicato al mondo dei fumetti made in Italy.
Numerose sono le stanze a tema: da Diabolik all’indagatore dell’incubo Dylan Dog, dalla bella Betty Boop al ladro di tutti i tempi Lupen e ovviamente non poteva mancare la Game room dove la fanno da padrone il flipper, il biliardino e i videogames storici in stile anni ’80.

FOX HOTEL
Foto: trivagoitalia.blogspot.it
A Copenaghen ventuno artisti provenienti da tutto il mondo si sono riuniti per creare le 61 camere a tema del Fox Hotel. Manga giapponesi, grafiche particolari, arredi originali: ogni stanza è un capolavoro.
Ve ne citiamo una la 409 nella quale l’illustratore svizzero Benjamin Gudel, con arredi kitsch e colori sgargianti, si è divertito a ricreare la storia di Heidi.

HOTEL SEVEN
   Foto: www.sevenhotelparis.com
A Parigi, al Seven Hotel, si può fare un viaggio più che surreale. Questo boutique hotel gode di 28 camere disegnate singolarmente con temi diversi ed elementi interattivi: letti levitanti, soffitti stellati e giochi di luci.
Tra le Suite vi è quella dedicata a 077, un universo anni ’60-’70 dallo stile retro, alla suite ON/OFF, un universo duplice con i suoi due diversi arredamenti dal minimalista al neo-rococò grazie a un interruttore, ma forse il meglio si ha in quella dedicata ad “Alice nel paese delle Meraviglie”, un universo di orologi, pannelli illuminati, scacchiere e conigli.
Nella suite "Alice", insolita e divertente, ci sono da scoprire ben 10 atmosfere psichedeliche, una scacchiera , un coniglio che esce dal muro, una vasca da bagno con piedini e doccia e un salotto con il Brucaliffo..il tutto sempre se siete veramente pronti a vivere nel paese delle meraviglie!

THE EDEN HOTEL
Chi non ha mai sognato di vivere un giorno da Batman? A Taiwan è possibile!
All’Eden Hotel vi è una una stanza tematica di 46 metri quadrati dedicata al cavaliere oscuro in cui, oltre ai pipistrelli decorati sul letto, sul soffitto e perfino in bagno, è presente anche un modello della Batmobile!

E se “viaggiare è come sognare” allora perché non farlo in grande?

Scopri qui gli indirizzi migliori per dormire, gustare la cucina tipica, divertirti e fare shopping durante il tuo viaggio in Sicilia