13/12/13

Regali: cosa mettere sotto l'albero del perfetto viaggiatore


Non c’è nulla da fare, il momento delle corse sfrenate e delle lotte contro il tempo è ormai arrivato: il Natale è alle porte e si deve pensare ai regali.
Noi di Listen to Sicily, anche quest’anno come l’anno scorso, vogliamo farvi il nostro regalo semplificandovi il lavoro e aiutandovi nella scelta.
Ecco, quindi, pronta per voi una lista di regali utili e originali da far trovare sotto l’albero ad amici e parenti appassionati di viaggio.

Perché il problema di quando una persona viaggia in modo perenne è che arriva il Natale e la gente pensa: "ma che gli regalo a lui che tutto quello che gli serve entra in uno zaino da 40 litri?"
Vi aiutiamo nella scelta 

1.Travel Kit:
Scontati e forse un po' banali ma davvero utili quando si prepara la valigia. Sia che siano quelli per il trasporto di liquidi a bordo sia quelli con cuscino gonfiabile, mascherina e tappi per lunghi viaggi: un vero viaggiatore non riesce a farne a meno!

2.Spacebag

Quella che vi consigliamo di regalare non è una valigia qualunque bensì una “Spacebag”.
Come vedete nell’immagine è una sorta di borsa compressa che ottimizza lo spazio. E’ divisa in due scomparti, uno per la biancheria pulita e uno per quella sporca, e può contenere fino a 4 paio di jeans e a 12 magliette!L’unica cosa importante da fare è piegare i vestiti esattamente della stessa dimensione della valigia. 

3.Pocket Map:
Cosa non può mancare nel bagaglio di un buon viaggiatore?Ovviamente una Mappa per muoversi con facilità.
E adesso pensate a quante volte avete cercato di chiudere una mappa seguendo le linee di piegatura senza ottenere la forma originaria. Per tutti quelli che desiderano il minimo ingombro e non hanno molta pazienza le Crumpled City Map possono essere appallottolate senza che si rovinino. Di tessuto ultraleggero, waterproof ed indistruttibile.
Disponibili per Roma, Firenze, Milano, Venezia, Londra, Parigi, Berlino, New York, Amsterdam, Madrid, Barcellona, Lisbona, Oslo, Stoccolma, Edimburgo, Helsinki, Hong Kong, Tokyo e Sidney.

4. Adattatore Universale

Compatto, funzionale e soprattutto di piccole dimensioni così da eliminare gli ingombranti kit adattatori.

5. Carica batteria portatile

L'altro accessorio utile a tutti i viaggiatori ma anche a tutti coloro che non possono fare a meno del loro preziosissimo cellulare è il carica batteria portatile!
Se siete anche eco friendly potete scegliere quello ad energia solare. Si ricarica semplicemente con l’energia solare e da la “carica giusta” dove e quando serve.

6. Scratch Map Travel
Forse un po’ nostalgico ma sicuramente originale. Lo Scratch Map Travel è una sorta di promemoria dei viaggi compiuti.
Da attaccare alla parete il planisfero cambierà colore al ritorno da ogni viaggio, basterà grattare i posti visitati! 
Per capirci, una sorta di Risiko da viaggio. L’obiettivo?Conquistare il mondo!

7. Tile, localizzatore di oggetti
Quante volte vi è capitato di chiedere ai vostri amici di farvi squillare il cellulare perché non riuscite più a trovarlo? E quante volte avete cercato disperatamente dentro la borsa le vostre chiavi  o in macchina i vostri occhiali e avete pensato che sarebbe perfetto riuscire a fare squillare anche questi?
Tile sembra essere la soluzione.
E’ un’app che agisce da localizzatore di oggetti smarriti tramite il gadget associato: una placchetta che può essere attaccata agli oggetti e che emette un suono per facilitare l’individuazione.

8. Gomma magica
Noi l’abbiamo chiamata "gomma magica" ed effettivamente lo è. Sugru è un sofisticato composto di silicone multicolore, tanto morbido e facile da modellare quanto resistente a qualsiasi condizione. In grado di aggiustare di tutto non può mancare nella valigia del perfetto viaggiatore.

9. Spy glasses
Apparentemente dei normalissimi occhiali da sole in realtà sono in grado di filmare  video di ottima qualità e scattare foto. Perfetti per chi pratica sport estremi.

10. Travel Guitar
E se la persona a cui fare un regalo oltre ad essere un appassionato di viaggi fosse anche un musicista?
Le travel guitar ci sembrano il regalo perfetto: leggere, comode e facili da trasportare.



Giunti alla fine di questo post noi di Listen vi lasciamo con l’ultimo suggerimento e cioè quello di regalare ai vostri amici, o magari se siete fortunati di trovarlo voi stessi sotto l’albero, un “kit vacanza”: biglietto aereo per qualsiasi destinazione.
Un vero viaggiatore apprezzerà sicuramente.

Scopri qui gli indirizzi migliori per dormire, gustare la cucina tipica, divertirti e fare shopping durante il tuo viaggio in Sicilia


06/12/13

Manaki Clan Cafè, il ritrovo perfetto


Un ritrovo tranquillo, vitale, accogliente. Il Manaki Clan Cafè, nel cuore di Ragusa Ibla, a due passi dal Portale di San Giorgio, è un American Bar che sa tanto di rifugio, di clan appunto.
Immaginate: un bancone stile american bar all’ingresso, attorno solo sgabelli. Poco più in là un privè, arredato con morbidi cuscinoni. E poi ancora, una scala di antichi gradini. Al piano superiore una pedana di vetro trasparente da dove si può assistere, comodamente seduti in pouf imbottiti, ad esibizioni dal vivo. Una terrazza e un gazebo in legno all’esterno. Tutto questo solo per dare l’idea ma il Manaki Clan Cafè è molto di più.
Un must della movida ragusana e palcoscenico culturale dove si intrecciano varie espressioni artistiche, esposizioni di artisti locali, esibizioni di musica dal vivo e selezioni musicali miscelate da diversi dj che spaziano tra diverse sonorità.
Dall’ Happy Hour ai pasti veloci, dall’ampia scelta di vini e birre nazionali e internazionali  alla programmazione di SKY SPORT.
Non manca proprio nulla e se ciò non dovesse essere sufficiente basta mettere il piedi lì dentro per sentirsi subito a casa.
Accoglienza, simpatia e allegria sono i punti forti..senza nessun dubbio! 
E se “provare per credere” è il vostro motto, vi consigliamo di cogliere l’occasione sabato 7 dicembre per il 6° compleanno del Manaki.
Si festeggerà tutti insieme dalle 20 con un ricco aperitivo a buffet, sangria e prosecco, buona musica e tanto altro. Noi ci saremo e voi?

Ah dimenticavamo..Buon Compleanno!


05/12/13

30 St.John's Square: il cocktail bar nato per distinguersi


Lunatico, triste, eccitato, allegro, annoiato, stanco. Qualunque sia il tuo mood se passi dal 30 St.John's Square ne uscirai di un certo con un sorriso.
Chiamato in mille modi diversi 3D, 30 Street, 30&30, 30&30 St.John’s Square per noi di Listen e per molti altri è semplicemente il 30.
Nel cuore di Ragusa, nella piazza principale, il locale, con i suoi tavolini all’aperto e il suo bancone più che originale(andateci per vedere di cosa parliamo), anima le serate di questa piccola e neanche troppo città.
Ogni sera al crepuscolo si possono gustare degli ottimi aperitivi e nel weekend ogni giorno è una sorpresa.
Il 30st., infatti, apre le porte del fine settimana il venerdì sera con gli appetizer e continua tutta la notte fra una hit e l’altra con degli ottimi cocktail.
Aperto da un anno è pronto a festeggiare il suo primo compleanno con una festa senza precedenti. 
Due giorni dal divertimento assicurato.

venerdì 06 dicembre
Music Live by Francesca Gerbò Dj - start h.23
sabato 07 dicembre
Nikki Corallo e Paolo Baglieri DJ – start h.23 

Il 30 St.John's Square, cocktail bar nato per distinguersi e fare la differenza, siamo sicuri non ci deluderà neanche questa volta!
Noi di Listen gli auguriamo buon compleanno promettendo di andare a festeggiare insieme a loro! E voi amici?




A Ragusa arrivano Le Formiche


“Camminano, cercano, trovano. Accumulano, trasformano. Collaborano, producono. Sono costanti, laboriose, ammirevoli. Le Formiche sono artigiani e se è vero che nel loro piccolo s’incazzano, è vero che se s’incazzano fanno la rivoluzione”.
Abbiamo sbirciato per voi nella pagina facebook del nuovo negozio che aprirà giorno 8 dicembre a Ragusa ed è questo che abbiamo trovato.
Una frase che può sembrare banale, niente di più della facile e lineare descrizione del laborioso lavoro delle formiche, ma che ha in sé la filosofia di quel qualcosa di magico che sta per arrivare.
Non servono spiegazioni. Ogni parola è funzionale: cercano, trovano, trasformano. Collaborano e producono. Sono artigiani.
Le formiche-shoptional sarà, infatti, uno spazio dedicato all’esposizione e alla vendita di oggetti artigianali. Uno spazio dedicato alla laboriosità e al design che vuole promuovere il talento di abili produttori e artigiani.
Sarà tutto questo e sarà, anche e soprattutto, LO spazio delle idee, della creatività, dell’ingegno. Lo spazio dove possono e riescono a convivere con mirabile coesione realtà ed esperienze completamente diverse.
All’interno sarà anche presente un corner completamente dedicato al brand “Siculamente”.

Dove e quando troveremo tutto questo? A Ragusa da giorno 8 dicembre alle 18:30 in via M.Kolbe n.3 
Noi di Listen facciamo un grandissimo in bocca al lupo ai ragazzi “operai” che stanno lavorando a questa bellissima, ne siamo più che sicuri, realtà e promettiamo di andare a trovarli.
Vieni anche tu?

Scopri qui gli indirizzi migliori per dormire, gustare la cucina tipica, divertirti e fare shopping durante il tuo viaggio in Sicilia

02/12/13

Pianissimo: libri sulla strada dal 1 al 22 dicembre


Sarà un modo di affrontare la crisi o un modo romantico di fare “conversazione in Sicilia”? Di sicuro l’idea è più che originale!
Immaginate un furgoncino bianco Fiat 900 del ’76. Immaginatelo con a bordo più di 300 libri di 32 autori indipendenti. Immaginatelo muoversi piano anzi Pianissimo in viaggio per la Sicilia.
Immaginate tutto questo e avrete “Pianissimo”: una libreria itinerante che con le sue tappe vuole riaccendere l’amore per la lettura.
L’idea è venuta a un siciliano, Filippo Nicosia ma adesso su Leggiu, il nome della libreria a quattro ruote, ci viaggiano anche Serena Casini, Maura Romeo, Mauro Maraschi, Nicola Nicosia e  Laura Caponetti.
Leggiu, che in dialetto significa “leggero”, “piano”, è pronto a partire per il suo secondo tour che si svolgerà dal 1 al 22 dicembre, anche stavolta in Sicilia.
Tre settimane intense per portare i libri sulla strada, nelle piazze, nelle Biblioteche Comunali e nelle Sale Consiliari, in luoghi di ritrovo pubblico ma anche in locali privati aperti al pubblico.
Per la prima volta saranno i libri a cercare i lettori. Il viaggio sarà un momento di incontro e di dialogo, un modo per ascoltare quello che le persone hanno da dire sui libri.
E se ancora avete qualche dubbio su come funziona vi lasciamo con le parole di Filippo Nicosia “Come uno straniero o un viandante, visitiamo luoghi per lo più sconosciuti e siamo interessati all’architettura, alle persone e alla vita che si svolge. Poi, quando è il momento, allestiamo il banco dei libri: i libri incuriosiscono, vengono toccati, sfogliati, a volte stropicciati, altre persino ignorati. I libri fanno tutto questo con molta eleganza e senza alterigia, mentre i librai provano a trovare aggettivi adatti a descriverne tema, trama, lingua. Non sempre ci riescono. [..] Pianissimo è un piccolo gesto concreto, un tratto di strada da percorrere insieme, nella fiducia che ci sia ancora una società e una vita sociale sulla quale fare leva per ripartire, nella convinzione che la cultura sia scambio e condivisione. La sfida è quella di mettere il libro nelle piazze e sperare che qualcuno lo porti a casa e inizi a leggere.”

Amici che state aspettando?Cliccate qui per scoprire le tappe del viaggio e se non passa proprio da casa vostra non fatevi scoraggiare, mettevi in viaggio anche voi!


Scopri qui gli indirizzi migliori per dormire, gustare la cucina tipica, divertirti e fare shopping durante il tuo viaggio in Sicilia


30/11/13

A colazione in giro per il mondo: oggi frittelle polacche


Buongiorno amici di Listen e benvenuti per la terza tappa del nostro attesissimo incontro settimanale con le colazioni internazionali.
In queste settimane vi abbiamo suggerito le ricette di piatti tipici da colazione. Il primo sabato ci siamo svegliati negli Stati Uniti e abbiamo preparato dei buonissimi Pancakes(qui la ricetta), il sabato successivo ci siamo spostati, invece, in Medio Oriente con una colazione a base di Pane Naan( qui la ricetta).
E oggi?Oggi si va in Polonia!!
Uova strapazzate coperte con fette di salsiccia fatta in casa(kielbasa) e frittelle di patate: questa la tipica e tradizionale colazione polacca.
Adesso rimbocchiamoci le maniche e prepariamo delle buonissime frittelle, perfette a dire dei polacchi a colazione ma buonissime anche a pranzo o a cena. Se volete mangiarle nella versione tradizionale a fine cottura accompagnateli da panna acida, erba cipollina e cetrioli altrimenti gustatele semplicemente così come sono!
Iniziamo

Ingredienti:
-800 g di patate
-1 uovo
-1 cipolla
-3 cucchiai di farina
-sale 
-pepe
-olio di semi per friggere
-panna per accompagnare

Preparazione
Prendete le patate ancora crude sbucciatele e grattugiatele.
Mettetele a riposare per qualche minuto in uno scolapasta in modo che perdano un po’ di acqua e subito dopo aggiungete l’uovo, la cipolla tritata, la farina, un po’ di sale e un po' di pepe.
Amalgamate fino ad ottenere un impasto non troppo liquido e quando l'olio sarà caldo versategli il composto un cucchiaio alla volta.
Girate le frittelle e lasciatele dorare da entrambe le parti.

E adesso…buon appetito o forse in questi casi sarebbe meglio dire, sperando di non sbagliare, dobry apetyt!!!ù


Scopri qui gli indirizzi migliori per dormire, gustare la cucina tipica, divertirti e fare shopping durante il tuo viaggio in Sicilia


Forse potrebbero interessarti:

27/11/13

ChocoModica, prendi una pausa con il gusto


Una calda bontà, un dolce assaggio, un piccante attimo, un piacevole momento.
Avete capito di cosa parliamo? Del cioccolato, ovviamente. E modicano per di più. Celebrato in tutte le sue forme nella kermesse che si terrà dal 6 all’8 dicembre nella città di Modica.
Una tre giorni ricca di gustosi eventi che avrà come protagonista il famosissimo cioccolato modicano
In scena l’intramontabile tavoletta aromatizzata, la gustosa cioccolata in tazza e le spettacolari Chocosculture celebrate con la Fabbrica del Cioccolato e il Chocovillage per i più piccoli, i Chocosalotti(incontri letterari e convegni sul tema) e le perfomance musicali e teatrali per i più grandi.
Un contenitore ricco e variegato che animerà il centro storico della città barocca totalmente libero dal traffico e percorribile anche con visite guidate alla scoperta dei monumenti gotici e barocchi, con passeggiate in bike, Chocotrain e tour in 500.
Un evento da non perdere per tutti gli amanti del cioccolato e non solo, per tutti gli amanti della storia e delle tradizioni, del teatro e della musica, degli spettacoli e del divertimento.
Noi di Listen ci saremo e voi?


INFO UTILI:
-Per scaricare il programma dell’evento cliccate qui. 
-E' previsto un servizio di bus navetta che collegherà i parcheggi periferici con il centro città. Il costo del biglietto andata e ritorno è di € 1,50.
-Per seguire tutte le fasi della manifestazione in diretta streaming collegatevi sul sito www.chocomodica.it
-Per visitare la città utilizzando le nostre AUDIOGUIDE scaricate GRATIS l'App per la città di Modica. La trovate sugli store Apple e Android con il nome "Audio Guide Modica"


FORSE POTREBBERO INTERESSARTI:
-Dagli Aztechi ai giorni nostri: tradizioni e sapori del cioccolato modicano
-Lungo la via del cioccolato si passa dalla Sicilia



Scopri qui gli indirizzi migliori per dormire, gustare la cucina tipica, divertirti e fare shopping durante il tuo viaggio in Sicilia




26/11/13

Cosa serve al turismo siciliano per fare il salto di qualità?



Il 2013 è stato un anno tutto sommato positivo per il turismo siciliano con una leggera crescita rispetto all’anno precedente. Tuttavia, visti gli sforzi e i notevoli investimenti fatti ad esempio in promozione, era probabilmente lecito aspettarsi qualcosa in più. L’isola è ben collegata al resto dell’Italia, come dimostrano i ricercatissimi voli Milano Palermo e senza contare quelli per diverse importanti città del continente, nonché la recente apertura del nuovo aereoporto di Comiso.

Dell’argomento si discusso recentemente in un incontro a cui hanno partecipato, tra gli altri, sociologi e consulenti del turismo. Tra i temi toccati ci sono la necessità di non aspettare aiuti e di contare sulle proprie forze creando anche partnership, oltre che di sviluppare il brand “Sicilia”. Tra i problemi evidenziati ci sono a volte una scarsa formazione e preparazione da parte di alcuni addetti ai lavori, in alcuni casi con scarse conoscenze linguistiche, e una rete dei trasporti non adeguata ad effettuare comodi spostamenti tra le varie località.

Parlando di Catania, in città non esiste un corso di laurea dedicato al turismo e nonostante la metropoli etnea sia una destinazione turistica e piena di hotel, solo il 20% dei collegamenti è di tipo turistico. A questo proposito alcuni mesi fa si era fatta avanti la Ryanair, che aveva proposto voli low cost a prezzi molto interessanti per rilanciare il settore. Creare corsi di laurea sul turismo permetterebbe di creare professionisti del settore per fornire soluzioni per quanto concerne il marketing e la comunicazione, aiutando a sviluppare il territorio e le imprese esistenti e nuove. 

Altri problemi riguardano senza dubbio il sistema di trasporti interno delle città e i collegamenti tra queste. Regioni come la Lombardia nonostante non abbiano certo la bellezza, il mare e il clima della Sicilia, stanno conoscendo un periodo piuttosto positivo dal punto di vista turistico anche grazie a una rete di collegamenti che permette di fruire di tutte le qualità della regione.

Tra due anni si terrà a Milano Expo 2015, che potrebbe costituire un’interessante opportunità per il rilancio e il riposizionamento del territorio siciliano (sono previsti 2 milioni di euro per la partecipazione all’evento milanese). Un altro treno che sta per passare: a questo proposito sarà importante per operatori del settore e imprenditori locali preparasi adeguatamente a cogliere l'occasione per far fare, finalmente, il meritato salto di qualità alla “destinazione Sicilia”.

Scopri qui gli indirizzi migliori per dormire, gustare la cucina tipica, divertirti e fare shopping durante il tuo viaggio in Sicilia

25/11/13

Stop alla violenza sulle donne: noi lo diciamo leggendo "Quello che resta", il libro che racconta la storia di Stefania Noce.


Il 25 novembre 1960, nella Repubblica Dominicana, vennero assassinate le tre sorelle Mirabal per il loro impegno politico contro l'allora dittatore Trujilllo. 
Nel 1999 l'Assemblea Generale delle Nazioni Unite istituisce, proprio in questa data, la "Giornata internazionale contro la violenza sulle donne": il 25 novembre è diventata così la data simbolo dell'atto di accusa della società civile nei confronti del fenomeno, paurosamente in crescita, della violenza sulle donne, con l'invito a governi, organizzazioni non governative, media e società a sensibilizzare il mondo contro una simile mostruosità.
Oggi, anche noi di Listen to Sicily vogliamo raccogliere questo invito e lo facciamo presentandovi sulle pagine del nostro blog un libro che vi emozionerà, vi sconvolgerà, vi farà arrabbiare e vi farà riflettere, un libro che parla dell'atto peggiore e più basso cui il concetto di "violenza sulle donne" possa dare vita: il femminicidio.
"Quello che resta. Storia di Stefania Noce - Il femminicidio e i diritti delle donne nell'Italia di oggi": ecco il titolo del libro di cui vi parliamo. Un testo a cui siamo molto legati, non solo perchè edito da Villaggio Maori Edizioni, casa editrice "mamma" di Listen to Sicily, ma soprattutto perchè narra con una semplicità disarmante la storia agghiacciante di una ragazza come noi, che studiava nella nostra Catania, che aveva un'età molto vicina alla nostra, che sognava esattamente come noi e come migliaia di giovani; una ragazza che è stata brutalmente uccisa dall'ex fidanzato la mattina del 27 dicembre 2011.


L'autrice del testo, Serena Maiorana, giovane scrittrice messinese, racconta la storia di Stefania ripercorrendone le tappe attraverso i racconti e le testimonianze di parenti e amici: la madre Rosa, il padre Nanni, l'amica Serena Morello, ma soprattutto i testi e gli articoli scritti dalla stessa Stefania, traccia del suo impegno politico e sociale per la giustizia e della sua lotta per il rispetto dei diritti.
L'autrice, senza la minima traccia di quella morbosità che purtroppo troppo spesso contraddistingue l'approccio dei media ai fenomeni di cronaca nera, narra la vita di Stefania attraverso le sue battaglie politiche dando vita a un testo che è un omaggio a Stefania Noce e a tutte le - troppe - donne che ogni giorno muoiono di femminicidio in Italia e nel mondo. 
Le parole sono inutili, in questi casi; non ci sono parole per descrivere un fenomeno come questo, così paurosamente e inaspettatamente diffuso in un paese che si professa "moderno" ed "evoluto" come l'Italia, in ambienti socio-culturali che tutti noi immagineremmo lontani da atteggiamenti e avvenimenti di simile vergognosa bassezza. 
Vi consigliamo semplicemente di leggerlo, di farlo leggere, di riflettere. E di non dimenticare.
Lo trovate nelle librerie (se non disponibile verrà ordinato e arriverà nel giro di 2 giorni), o direttamente sul sito della casa editrice. E se siete tecno-lettori armati di Kindle o simili, lo trovate anche in versione e-book su Book Republic.
Buona lettura!

Scopri qui gli indirizzi migliori per dormire, gustare la cucina tipica, divertirti e fare shopping durante il tuo viaggio in Sicilia