04/12/12

Contro i mali di stagione una spremuta di arance di Sicilia


L'estate così come l’autunno sono ormai dei ricordi lontani, in tutta Italia arrivano i primi freddi, e la stagione invernale è ufficialmente iniziata anche in Sicilia dove tardava ad arrivare.
Pioggia, vento, neve e bruschi cambiamenti di temperatura questo è ciò che l’inverno porta con sé, e con essi fanno la comparsa anche cappelli,sciarpe e cappotti, ma anche termometri, brodini caldi e tutto l’armamentario di compresse e sciroppi per far fronte ai primi malanni di stagione come l’influenza, la tosse,il mal di gola e i raffreddori.
Tra i rimedi contro l’influenza impossibile dimenticare la vitamina C che è contenuta negli agrumi ed è un elemento prezioso per il nostro benessere. In Sicilia l’inverno è la stagione ideale per gustare gli agrumi e in particolare le arance, che a sorpresa, sono anche delle ottime alleate del peso forma: l’80-90% della loro consistenza è infatti fornita dall’acqua, cui poi si aggiungono fruttosio, una buona percentuale di sali minerali e di vitamine (a cominciare dalla C ma anche del gruppo B e P), molti acidi organici (tra i quali l’acido citrico) e fibre. I nutrizionisti concordano nel sottolineare come le arance siano in grado di rendere più forte il sistema immunitario e che il modo migliore per assumerle sia attraverso le spremute d’arancia.
Quindi, amici di Listen, quale migliore soluzione contro i malanni di stagione di una buona anzi buonissima spremuta di arance di Sicilia?
Solo ad una cosa dovete prestare attenzione: la spremuta per essere veramente efficiente deve essere preparata un attimo prima di consumarla in quanto la vitamina C si ossida facilmente a contatto con l’aria e se ne perdono grandi quantità rispetto a quelle contenute nelle arance.
Per ritardare l’ossidazione e mantenere più a lungo la fragranza della spremuta si può conservare il succo in un recipiente opaco, meglio se di vetro ma scuro, e ben chiuso. In ogni caso l’ideale è consumare il prima possibile la spremuta.
Tarocco, Moro, Sanguinello, Navel, Vaniglia...in Sicilia di arance ce n’è per tutti i gusti e se non sapete quale scegliere ricordate che l’Arancia rossa di Sicilia, che dal 1996 gode dell’attestazione europea di IGP, che viene coltivata esclusivamente in alcuni Comuni delle province di Catania e Siracusa e le cui produzioni riguardano alcune varietà di Tarocco, Moro e Sanguinello, contiene, rispetto alle arance bionde, maggiori quantitativi di vitamina C.
Forse non rimane altro da dire che in questo non servirà neanche un po’ di zucchero per mandare giù la pillola…la spremuta è buona di per sé!




Forse potrebbero interessarti anche:


Scopri qui gli indirizzi migliori per dormire, gustare la cucina tipica, divertirti e fare shopping durante il tuo viaggio in Sicilia


Nessun commento:

Posta un commento