26/04/12

In libertà lungo il litorale settentrionale #1° tappa: Palermo - Cefalù


Viaggiare in macchina, senza programmi prestabiliti, liberi di assaporare ogni chilometro, consapevoli della libertà di fermarci dove vogliamo...cosa c'è di meglio?
Da veri amanti di questo tipo di viaggio, noi di Listen vi guideremo, oggi e nei post dei prossimi giorni,  lungo un percorso in tre tappe che percorre il litorale settentrionale della Sicilia, ricco di arte, storia, archelogia, mare, montagne e rocce, piccoli borghi e scorci incantevoli. 
Pronti? 

La prima tappa vi porterà da Palermo a Cefalù. 
Naturalmente, niente autostrada! Lungo la strada costiera, la prima sosta è al Parco Archeologico di Solunto, l'antica colonia fenicia in cima al Monte Catalfano, a sud del Golfo di Palermo. Solunto, abbandonata nel II secolo a.C., è stata riportata alla luce da scavi archeologici che potrete visitare, meglio se accompagnati da una guida (in carne e ossa! Listen to Sicily e le sue audio guide non sono ancora arrivati da queste parti!...tempo al tempo) che vi mostrerà la struttura urbana con il Ginnasio, il teatro, la Casa di Leda. Il panorama, mozzafiato, abbraccia una larga fetta di orizzonte e merita una vera sessione fotografica.
Discendendo dal monte, seguite la strada comunale verso il mare e vi troverete nella zona di Capo Zafferano e Capo  Mongerbino: qui l'Arco Azzurro (lo vedete qui sopra in foto) merita una sosta, con le sue due rocce che formano un arco sul mare, location per un vecchio spot pubblicitario dei Baci Perugina negli anni Settanta. 
In questo tratto troverete inoltre numerosi accessi alla costa rocciosa per un bagno rinfrescante in acque cristalline.
Proseguendo lungo la stessa strada, vi troverete a Porticello, un piccolo borgo noto tra i palermitani per il suo eccellente pesce fresco: i locali lo acquistano direttamente al porto, voi potrete gustarlo in uno dei piccoli ristorantini.
Borghi e piccole cittadine si susseguono poi uno dopo l'altro lungo la costa: Bagheria con le sue ville settecentesche, il piccolo porticciolo di San Nicolò l'Arena, la cittadina di Trabia famosa per le sue deliziose nespole (il periodo è quello giusto per gustarle, visto che maturano proprio tra aprile e giugno).
Tra tutti i paesini che incontrerete sulla via, Caccamo merita certamente una sosta: visitate il celebre castello medievale, quasi intatto, incastonato in uno sperone roccioso all'ingresso del paese, con le sue 130 sale restaurate. 
Lasciata Caccamo, magari dopo aver fatto scorsa di prodotti tipici della zona in una delle botteghe della cittadina o nel negozietto annesso all'info point ai piedi del castello, proseguite fino a Cefalù, punto d'arrivo di questa prima tappa. 
Vi avevamo già parlato di Celafù qualche tempo fa: la cittadina è incantevole, la spiaggia intatta e ben tenuta, il Duomo uno dei più stupefacenti monumenti normanni della Sicilia. Perdetevi tra le strette stradine acciottolate, curiosate tra i negozietti e le botteghe di artigianato, gustatevi una cena dai sapori siciliani e preparatevi per la prossima tappa di questo itinerario!

Stay tuned...

Scopri qui gli indirizzi migliori per dormire, gustare la cucina tipicadivertirti e fare shopping durante il tuo viaggio in Sicilia

Nessun commento:

Posta un commento