01/10/11

Una torta da re: la Cassata siciliana


Dall’arabo qas’at, bacinella, o dal latino caseum, formaggio, la Cassata siciliana è un torta tradizionale a base di ricotta zuccherata, tradizionalmente di pecora, pan di Spagna, pasta reale, frutta candita e glassa di zucchero.
E’ considerata uno dei dolci più prelibati della pasticceria siciliana ed affonda le sue radici durante il periodo della dominazione araba.
All’inizio era un involucro di pasta frolla farcito di ricotta e poi infornato, fino a quando durante il periodo normanno, a Palermo, presso il convento della Martorana, non fu creata la Pasta reale o Martorana, un impasto di farina di mandorle e zucchero, che sostituì la pasta frolla come involucro. 
Si passò così dalla cassata al forno a quella composta a freddo.
Per lungo tempo gli specialisti nella preparazione sono stati le monache siciliane e i cuochi delle corti nobiliari, depositari dei segreti relativi alla preparazione.
Secondo alcuni documenti ufficiali inoltre la cassata sarebbe stata in passato un dolce strettamente riservato al periodo pasquale.
Una variante molto famosa nelle zone etnee è quella delle Cassatelle di Sant’Agata: piccoli dolci glassati su cui viene posta una ciliegia. Questi dolcetti ricordano molto la forma di una mammella, legandosi simbolicamente alla santa martire cui furono amputate le mammelle durante il martirio.
Esistono numerose varianti locali della prelibata torta.
L'aspetto esteriore, ad esempio, può cambiare notevolmente: da una scarna decorazione di glassa e un po' di scorza d'arancia candita fino ad una ricca costruzione con perline colorate e una mezza dozzina di frutti canditi diversi per quello che è: un trionfo di gusto solo siciliano.
Forse potrebbero interessarti anche:
-Frutta Martorana: dolce tipico, sapore unico 
-Dagli Aztechi ai giorni nostri, tradizioni e sapori del cioccolato modicano
-Cannoli siciliani mon amour!

Scopri qui gli indirizzi migliori per dormire, gustare la cucina tipica, divertirti e fare shopping durante il tuo viaggio in Sicilia

2 commenti:

  1. Sulla base di cosa avete utilizzato questa foto? Non è vostra ed avete pure tolto la firma dell'autrice che sarei poi io. Sarebbe bastato chiedere l'autorizzazione e ve l'avrei concessa. Ma cosi' è assolutamente scorretto.

    RispondiElimina
  2. Abbiamo tolto la foto "incriminata".
    Ci spiace dell'inconveniente ma lo staff di Listen to Sicily non ha rubato nessuna foto poiché questa è stata trovata libera sul web e non coperta da nessun tipo di copyright: evidentemente l'abbiamo presa da un sito che la foto te l'aveva già "rubata" e alla quale aveva già tolto il copyright.
    Non sapendo noi del copyright l'abbiamo presa con la massima tranquillità, consapevoli di non commettere nessuna scorrettezza.
    Se avessimo saputo del copyright non l'avremmo presa.
    Ti invito infatti a visitare la fotogallery presente all'interno del nostro sito: tutte le immagini inserite sono in creative commons e abbiamo contattato uno ad uno tutti gli autori delle immagini che abbiamo inserito.

    http://www.listentosicily.it/fotogallery.php

    Speriamo continuerai a seguirci nonostante questo "incidente"!

    L2S

    RispondiElimina