31/10/11

"LA FESTA DEI MORTI" IN SICILIA



Il 2 novembre in Sicilia è la “festa dei morti” e il termine festa non è scelto a caso.
In ogni città o paesino dell’isola si fa, infatti, una gran festa: scuole chiuse, grandi luminarie e bancarelle stracolme di dolci e giocattoli.

E se la Sicilia è terra di tradizioni e leggende ovviamente anche la “festività dei morti” porta con sé: consuetudini, leggende, prodotti tipici e tradizioni.

La leggenda narra che nella notte tra il 1 e il 2 novembre i defunti visitino le case dei proprio cari lasciando doni ai bambini.

Ma se babbo natale è ordinato e sa dove depositare i regali, i “morticini”sono un po’dispettosi e li nascondono abilmente talvolta camuffandoli in maniera irriconoscibile.
Sotto il letto o dietro i libri, su uno scaffale o dentro l’armadio: per ogni bambino siciliano la mattina del 2 novembre ha inizio la caccia al tesoro!
I doni possono trovarsi in qualsiasi posto sta alla fantasia e alla bravura del bambino scovarli.

Tradizionalmente la ricerca veniva preceduta dalla recita di una supplica che ormai, purtroppo, in pochi ricordano:


Armi santi, armi santi,

Iu sugnu unu e vùatri síti tanti:

mentri sugnu ‘ntra stu munnu di guai

Cosi di morti mittitimìnni assai.


Anime sante, anime sante,
io sono uno e voi siete tanti:

mentre sono in questo mondo di guai

regali dei morti mettetene tanti.


In ogni casa inoltre è tradizione preparare “u cannistru”, un cesto stracolmo di dolci e frutta secca, alcuni tipici della festività: pupi di zucchero, crozza ri morti (biscotti croccanti bianchi e neri ) e Frutta Martorana.
I Pupi di Zucchero, decorati con colori vivaci, raffigurano paladini, legionari, dragoni e dame del settecento.

L'altra specialità, che rallegra le vetrine delle più belle pasticcerie della Sicilia soprattutto durante la festività dei morti e che trova a Palermo la sua forma più esasperata e affascinante, è la Frutta Martorana: vere opere d’arte di pasta di mandorla che maestri pasticceri plasmano creando frutti difficilmente distinguibili dai reali.
Particolarmente affascinanti e dall'atmosfera unica le "fiere dei morti", tradizionali bancarelle presenti in molti paesini della Sicilia che attendono grandi e piccini offrendo l'opportunità di acquistare giocattoli e dolciumi di ogni genere per preparare il tradizionale "Cannistru". 





Scopri qui gli indirizzi migliori per dormire, gustare la cucina tipica, divertirti e fare shopping durante il tuo viaggio in Sicilia





Nessun commento:

Posta un commento