02/08/11

Miele dei Monti Iblei: ineguagliabile profumo di Sicilia



Il miele è un alimento di largo consumo che può essere prodotto  in qualsiasi parte d’Italia. Ma il miele che proviene da quella parte della Sicilia che sono i Monti Iblei, impreziositi da un patrimonio floreale ricchissimo, è un miele dal gusto irriproducibile altrove!
Ricordato da tutti i più antichi scrittori greci e latini come il migliore tra tutti, il miele dei Monti Iblei ha questa fama ancora oggi. Il miele, zucchero semplice di grande interesse dietetico, è composto da acqua, zuccheri (fruttosio, glucosio, maltosio), acidi (gluconico, citrico, malico, succinico, acetico, formico, lattico, butirico, piroglutaminico, amminoacidi), proteine, sali minerali (potassio, sodio, calcio, magnesio, cloridico, solfati, fosfati, etc.), i pigmenti (carotene, clorofilla, derivati dalla clorofilla), sostanze ed aromi dei fiori (esteri, aldeidi, alcool), tannino, enzimi (invertasi, diastasi), fosfati e vitamine: quello degli Iblei solitamente proviene dal timo selvatico, dal fiore di zagara o dal multiflora mediterranea.

Il più diffuso, il miele millefiori, deriva dal nettare raccolto dalle api su una grande varietà di fiori presenti nei campi siciliani in primavera. In particolare, i primi giorni del mese di aprile, quando sbocciano le zagare, le api raccolgono il delicato nettare dei fiori d’arancio; di colore ambra chiaro quando è fresco, diventa quasi bianco in autunno, profuma di fiore d’arancio e, una volta cristallizzato, di frutta: questo è il miele di zagara d’arancio.

Molto caratteristici anche il miele di timo e il miele di carrubo. Il timo è un arbusto che cresce nei territori aridi e rocciosi dei monti iblei; la sua fioritura inizia nei primi giorni del mese di giugno e si protrae per non più di venti giorni, per tale motivo le produzioni non sono costanti. Ha colore ambrato scuro, profumo intenso e penetrante, e un sapore dolce.

Il carrubo invece è una leguminosa che cresce spontanea in Sicilia, e con la sua presenza impotente caratterizza le dorata campagne dell’isola. La fioritura avviene a fine ottobre per circa un mese; l’eccessiva umidità del periodo determina una produzione incostante. Molto scuro, ha un profumo ed un sapore particolare che colpisce chi lo assaggia; parti colare è anche per la sua consistenza cremosa che lo contraddistingue.
Allora, vi è venuta voglia di fare un salto in Sicilia e far colazione con pane e un buon miele al ambrato che profuma di fiori?

Scopri qui gli indirizzi migliori per dormire, gustare la cucina tipicadivertirti e fare shopping durante il tuo viaggio in Sicilia. 

Nessun commento:

Posta un commento